Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

Attualmente, PUBG mette tutti i giocatori in una pool comune e non permette di scegliere una mappa tra le due (presto tre, come vi avevamo detto) disponibili. Bene, questo sta per cambiare: presto potremo liberamente scegliere la mappa in PUBG.

PUBG Corporation ha affermato che inserirà questa possibilità per tutti i giocatori: i potenziali problemi di matchmaking (ovvero la paura più grande per gli sviluppatori di questo tipo di videogame) non avranno luogo. I creatori hanno affermato che sono riusciti a trovare un modo per evitare ogni implicazione negativa.

playeruknown's battleground

Questo significa che i giocatori che non apprezzano una delle due mappe attualmente disponibili possono evitare in tutta tranquillità di giocarla senza dover cancellare i file delle mappe dal PC (una pratica diventata comune tra i giocatori più smaliziati).

La possibilità di scegliere la mappa in PUBG, però, sarà aggiunta unicamente nella versione PC del gioco e non alla versione Xbox One.

L’articolo Potremo scegliere la mappa in PUBG su PC proviene da GameSource.

AESVI, l’Associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, rende noti oggi i dati sul mercato e sui consumatori di videogiochi in Italia nel 2017. Il settore nel suo complesso registra un giro d’affari di quasi 1,5 miliardi di euro e conferma l’andamento positivo in corso ormai da diversi anni su tutti i suoi segmenti come console (+ 8,6%), accessori (+ 10,5%), software fisico (+7%) e software digitale.

PlayStation

Il mercato dei videogiochi in Italia

Software

Il software registra un fatturato di oltre 1 miliardo di euro (1.049 milioni di euro) con un peso del 71% sul totale mercato nel 2017. Il segmento risulta composto per il 35% dalle vendite di software fisico e per il 65% dalle vendite di software digitale.

Il software fisico, ovvero i videogiochi per console e per PC nel tradizionale formato pacchettizzato, conosce una crescita del 7% rispetto al 2016, con un fatturato di oltre 370 milioni di euro. Sul fronte digitale, invece, il giro d’affari sviluppato dal segmento delle app è pari a 385 milioni di euro mentre il digital download su console e PC registra un fatturato di 294 milioni di euro.

Classifiche

Per la prima volta, grazie alle nuove metodologie di ricerca utilizzate per la stesura del rapporto, sono disponibili le Top 10 di vendita per ogni tipologia di dispositivo di gioco utilizzato: FIFA 18 domina la Top 10 console, seguito da Call of Duty: WWII e Crash Bandicoot. The Sims 4 è il primo titolo in classifica per i PC, in seconda posizione Overwatch e ancora sul podio in terza posizione Call Of Duty. I videogiochi più scaricati in digital download sono invece Rainbow Six Siege, FIFA 18 e Grand Theft Auto V. Clash Royale conquista il podio della Top 10 App, seguito dal famoso Candy Crush Saga e dal fratello Clash of Clans.

L’articolo AESVI presenta il rapporto annuale sul settore dei videogiochi proviene da GameSource.

EA DICE ha annunciato che renderà la mappa Rupture gratuita per tutti i giocatori di Battlefield 1: sarà possibile eseguire il download e usufruirne; certamente una mappa gratuita per Battlefield 1 è una sorpresa gradita per tutti i fan.

Rupture ha luogo vicino a Parigi, in un Francia colpita dalla seconda battaglia di Marne. La mappa include trincee, rovine, fattorie e molto altro. Rupture era originariamente parte dell’espansione They Shall Not Pass rilasciata lo scorso marzo. Nel corso dei prossimi mesi, inoltre, i giocatori otterranno anche un’altra mappa dalla stessa espansione: Soissons. L’espansione costa 14.99€: non proprio spicci, quindi fa piacere che DICE abbia deciso di concederne una prova anche a coloro che non possono (o non vogliono) permetterselo.

Battlefield 1

Inoltre, una nuova modalità di gioco, chiamata Shock Operations, sarà resa disponibile nel corso di giugno: una data precisa non è stata ancora ufficializzata. La modalità supporterà 40 giocatori e sarà disponibile nelle mappe “L’ombra del gigante”, “Prise de Tahure”, “Lupkow Pass”, “Zeebrugge” e “Fiume Somme”.

Il gioco è stato rilasciato due anni fa ed è disponibile su PlayStation 4, Xbox One e PC.

L’articolo Una mappa gratuita per Battlefield 1 e una nuova modalità proviene da GameSource.

La Dutch Gaming Authoriy (che si occupa anche di regolamentare le scommesse in Olanda) ha annunciato che le loot boxes sono gioco d’azzardo. Le loot boxes sono state comparate alle slot machine e le roulette.

Il Corpo regolamentativo ha investigato su dieci popolari giochi che includono le loot boxes e ha scoperto che quattro di essi hanno “elementi che possono essere trovati nelle scommesse del mondo reale”. In questi giochi, gli oggetti possono essere scambiati per valute economiche. Gli altri sei non rientrano nelle regolamentazione che rendono un gioco “d’azzardo” ma sono stati comunque criticati per il modo in cui implementano le loot boxes.

FIFA 18

Tra i giochi testati troviamo: Dota 2, FIFA 18, PlayerUnknown’s Battlegrounds e Rocket League.

Questi quattro giochi, ritenuti problematici, avranno a disposizione due mesi per cambiare le loot boxes in un formato tale che possano seguire le regolamentazioni sul gioco d’azzardo in vigore e rischiano di essere banditi dall’Olanda. Cosa ne pensate del fatto che le loot boxes sono gioco d’azzardo per l’Olanda?

L’articolo Le loot boxes sono gioco d’azzardo: l’Olanda si esprime proviene da GameSource.

Pare che Fortnite arriverà in Cina. Lo sviluppatore, Epic Games, ha condiviso un’immagine attraverso Twitter in cui è rappresentato il passaporto del personaggio Jonesy. Sopra di esso è riportata la data 23 aprile, come giorno di ingresso in Cina. Pare quindi che Fortnite in Cina sarà realtà.

La Cina è un mercato enorme e potenzialmente molto fruttuoso per Fortnite, il gioco potrebbe quindi rompere ogni record grazie al nuovo territorio. Al tempo stesso, come ha scoperto Playerunknown’s Battlegrounds, c’è anche un grave problema di cheating e hacking. Bisognerà capire come Fortnite deciderà di gestire la questione.

Non è ancora definito se Epic abbia intenzione di portare Fortnite in Cina da sola o se sfrutterà l’aiuto di qualche partner. La soluzione più logica sarebbe Tencent, il colosso cinese che già possiede il 40% di Epic. Inoltre, non sappiamo in che formato verrà distribuito Fortnite: arriverà su tutte le piattaforme (console, mobile e PC)? Nel territorio cinese il mobile e il PC sono certamente più popolari delle console. Non è nemmeno dato sapere se ci saranno differenze tra la versione occidentale e quella cinese di Fortnite.

Mentre attendiamo nuove informazioni ufficiali, ripensiamo ancora ancora una volta al ragazzo che ha continuato a giocare a Fortnite anche durante un tornado: in Cina non ci sono tornado, vero?

L’articolo Fortnite in Cina sta arrivando: ecco cosa sappiamo proviene da GameSource.

Dopo un lungo periodo di sviluppo, Hellblade: Senua’s Sacrifice ha debuttato su PlayStation 4 e PC lo scorso 8 agosto, ricevendo il plauso del pubblico e della critica –  noi compresi, che lo abbiamo premiato come miglior titolo indipendente del 2017. Pochi giorni fa l’opera di Ninja Theory è approdata anche su Xbox One, sempre al prezzo di lancio di € 29,99.

Hellblade: Senua's Sacrifice

In questa recensione ci concentreremo principalmente sulla qualità del porting, ma è opportuno premettere alcune considerazioni generali sul gioco, rimandando i lettori alla recensione sopra linkata per le questioni di dettaglio.

Hellblade: Senua’s Sacrifice è stato definito dagli sviluppatori stessi come un “indie AAA“: il titolo, infatti, si caratterizza per alti valori di produzione, ma è stato sviluppato e pubblicato in modo indipendente da Ninja Theory, il che purtroppo ha significato tra le altre cose l’assenza di una versione retail. Sul piano ludico si tratta di un banale action adventure, di quelli “dritto pe’ dritto” (per citare Maccio Capatonda, NdR), in cui il giocatore guida la protagonista Senua di stanza in stanza, risolvendo semplici enigmi ambientali (il più delle volte si tratta di ritrovare nello scenario alcune rune dipinte sulle porte) e sconfiggendo i nemici che le si parano davanti, avvalendosi di un battle system rudimentale, lontano dalle velleità di Heavenly Sword e, soprattutto, di DmC Devil May Cry.

Per aggiungere un po’ di mordente ai combattimenti, ben presto Ninja Theory mette in guardia il giocatore dal permadeath, che causerebbe la cancellazione (il condizionale è d’obbligo) dei dati di salvataggio dopo un certo numero di morti.

Hellblade: Senua's Sacrifice

Ciò che rende Hellblade: Senua’s Sacrifice una grande esperienza interattiva (più che un grande  gioco in senso stretto) è tutto il resto: trama, direzione artistica, recitazione, doppiaggio e colonna sonora.

L’opera di Ninja Theory è una rielaborazione in chiave norrena (con una spruzzata celtica: Senua appartiene ad una tribù pittica) del mito di Orfeo ed Euridice: la nostra eroina raggiunge Hel per strappare dalle grinfie di Hela l’anima dell’amato Dillion. Il suo è un viaggio desolante e solitario, fatta eccezione per le svariate voci che risuonano nella sua testa: la donna infatti è una gelt, una delle pazze la cui mente è stata sconvolta da una maledizione o dagli orrori della guerra.

Il suo stato di psicosi le causa continue e plurime allucinazioni uditive, che sono state rese alla perfezione da Ninja Theory grazie anche all’ausilio di alcuni luminari in materia. Consigliatissimo l’utilizzo delle cuffie, per godersi al meglio l’audio binaurale in full 3D e immergersi totalmente nelle lande desolate di Hel, operazione favorita dalla scelta degli sviluppatori di non prevedere assolutamente alcun tipo di HUD.

Hellblade: Senua’s Sacrifice

Ciò detto, non rimane che spendere due parole sulla qualità del port. Hellblade: Senua’s Sacrifice si presenta su Xbox One nello stesso modo in cui lo abbiamo apprezzato su PlayStation 4. Su Xbox One X sono disponibili il supporto HDR e tre impostazioni grafiche: una predilige la risoluzione e lo fa meglio della controparte per PlayStation 4 Pro, con 4k dinamico a 30 fps (piuttosto stabili); un’altra predilige invece gli effetti e risulta molto simile alla prima; una  terza si concentra invece sulla fluidità, offrendo i 60 fps costanti.

Tutto il resto è identico: l’avventura (che dura circa otto ore), i trofei/obiettivi (quasi tutti legati al completamento della storia), il documentario (che contiene spoiler, per cui è consigliabile guardarlo dopo aver raggiunto i titoli di coda).

Hellblade: Senua's Sacrifice

Hellblade: Senua’s Sacrifice ha già dato ottima prova di sé su PlayStation 4 e PC. In questa sede non si discute la qualità intrinseca del gioco, ma solo quella del porting, che è stato svolto con attenzione e cura per ogni dettaglio. Ora anche gli accoliti di Microsoft possono godersi uno dei migliori indie dell’anno scorso.

L’articolo Hellblade: Senua’s Sacrifice – Recensione proviene da GameSource.

Uno strumento in grado di diagnosticare il morbo di Parkinson sin dalle primissime fasi della malattia, in tempi rapidi e con bassissimo margine di errore, da utilizzarsi anche nello studio del medico di famiglia. E altri apparecchi per tenere a bada la patologia e di conseguenza, portare l'aspettativa – ma soprattutto la qualità – di vita di questi pazienti al livello dei loro pari età sani: sono le novità più interessanti e promettenti presentate durante il lancio dell'evento 'Open Accelerator', tenutosi oggi presso la sede dell'azienda farmaceutica Zambon, a Bresso (MI).

Gli apparecchi sono stati ideati dal dr. Lazzaro Di Biase, 32 anni, neurologo e dottorando dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, che ha appena creato una start-up – PD Innovations (PD sta per Parkinson's Disease, ovvero 'malattia di Parkinson') – proprio per rendere presto possibile un'efficace diagnosi precoce, il monitoraggio dell'evoluzione della patologia e la gestione del trattamento, sia orale che infusionale, in tempo reale e in base alle specifiche condizioni cliniche di ogni singolo paziente.

Perché una diagnosi precoce è importante

"Attualmente – spiega Di Biase – l'errore diagnostico sul Parkinson è del 30 per cento in qualsiasi fase della malattia. Alcuni mesi fa avevamo realizzato un 'orologio' particolare, dotato di un algoritmo in grado di ridurre questa percentuale all'8 per cento. Con il nuovo device confidiamo di riuscire a portare pressoché a zero questo margine d'errore". Ecco anche perché la sua scoperta è stata premiata, lo scorso 12 dicembre, proprio da Zcube, che finanzierà la ricerca e lo sviluppo dei dispositivi con 25 mila euro. In effetti, il problema del Parkinson oggi è proprio la diagnosi precoce: di questa patologia non si guarisce, ma è possibile conviverci se viene diagnosticata precocemente e trattata farmacologicamente. Le terapie disponibili, infatti, sono efficaci nel migliorare i sintomi motori, soprattutto nelle prime fasi di malattia. Ma accanto al paziente parkinsoniano 'doc' e' possibile trovare tante persone affette dal 'tremore essenziale' o dai cosiddetti 'parkinsonismi atipici', molto difficili da distinguere nelle prime fasi anche se osservati da specialisti esperti. Di solito, quando si riesce a 'inquadrare' in modo certo la patologia sono trascorsi ormai diversi anni.

Le speranze per chi è malato

"Su questi casi noi vogliamo incidere con i nostri dispositivi – sottolinea Di Biase – anche perché in genere si può morire di Parkinson, ma il rischio di morte è legato spesso alle sue complicanze: l'impossibilità di muoversi che può produrre cadute e quindi rotture di femore, oppure allettamento, ulcere e polmoniti. Se, viceversa, diventasse possibile mantenere la mobilità lungo tutta la vita di un parkinsoniano, la sua aspettativa di vita potrebbe raggiungere quella di una persona sana".

Il Parkinson è, tra le patologie neurologiche, quella con le terapie attualmente più efficaci, anche se non ci sono cure vere e proprie per bloccare o rallentare lo sviluppo della malattia. "Il nostro algoritmo – spiega ancora di Biase – sarà in grado di analizzare il movimento globale del paziente, tutto in modo mininvasivo: basteranno i sensori presenti in un normale smartphone". Una novità che, dunque, potrà essere utilizzata da tutti i medici, anche quelli di base, e che li metterà in grado di emettere un responso diagnostico inequivocabile rispetto a un'ipotesi di Parkinson, già nelle primissime fasi della malattia.

"Non solo – prosegue di Biase -, stiamo lavorando anche a uno strumento per ottimizzare l'efficacia delle terapie, che attraverso micro-sensori impiantabili sarà in grado di 'dosare' la quantità di farmaco piu' adatta e indicata per le specifiche condizioni del paziente, variandola se necessario di ora in ora, in modo da mantenerlo sempre adeguatamente mobile". "Un sistema simile a ciò che esiste oggi per i malati di diabete (l'aghetto sottocutaneo che 'legge' la glicemia e rilascia il quantitativo d'insulina necessario per tenerla entro un range stabilito, ndr)", chiarisce Di Biase. Il ricercatore è fiducioso di riuscire a concludere tutti i trials clinici di validazione dei quattro device entro il 2020. A quel punto, se tutto andrà come sperato, potrebbe davvero iniziare un'altra vita per i pazienti parkinsoniani: una giornata non più tormentata da multiple fluttuazioni giornaliere della propria capacità di movimento – tra momenti di 'blocco' motorio, fasi caratterizzate da movimenti involontari e altre in cui torna nuovamente possibile controllare il proprio corpo.

Fortnite, il fenomeno videoludico del momento, nella mattinata, ha ricevuto un corposo aggiornamento (v. 3.5.2). Oltre ai miglioramenti e alle aggiunte del caso, sono state introdotte anche le nuove sfide settimanali per i possessori del Pass battaglia.

Fortnite sfide settimana 8

La patch 3.5 introduce:

  •  50v50 v2 (Battaglia reale)

Una nuova modalità a tempo in cui due squadre composte, ciascuna, da cinquanta giocatori dovranno darsi battaglia per raggiungere la tanto ambita vittoria reale.

  • Mitragliatrice leggera (Battaglia reale)

Una nuova e potente arma, la mitragliatrice leggera, che con la sua velocità di fuoco e il suo caricatore da 100 colpi vi permetterà di uccidere molti più nemici.

Fortnite

  • Nella Tempesta: Bis (Salva il mondo)

La missione Tempesta: Bis vi darà la possibilità di sbloccare, dopo aver superato delle specifiche sfide, nuovi eroi Cyberpunk.

Fortnite

  • Armi al neon 1x – Mitragliatrice leggera al neon (Salva il mondo)

Questa mitragliatrice leggera dispone di un enorme caricatore che contiene potenza di fuoco sufficiente ad annientare un’intera ondata di Abietti.

Fortnite

Qui sotto vi lasciamo le note ufficiali, riprese dal sito di Epic Games, dell’aggiornamento 3.5.2 di Fortnite.

Generale

  • Miglioramenti alla resilienza del gioco per impedire che si verifichino nuovamente tempi di inattività prolungati.
  • È stato risolto un bug che generava frequenti crash su Xbox One

Regali di ringraziamento

  • Battaglia reale – 20 stelle del Pass battaglia
  • Salva il mondo – 1600 Oro stagionale

Battaglia reale

  • La funzione di sbirciata funziona ora come prima dell’aggiornamento 3.5. In questo modo si dovrebbe risolvere il problema per cui i giocatori sparavano accidentalmente alle proprie strutture mentre tentavano di sbirciare. Per ulteriori informazioni, clicca qui.

L’articolo Disponibile l’aggiornamento 3.5 di Fortnite proviene da GameSource.

Le sfide della settimana 9 di Fortnite, come al solito contengono alcuni obiettivi per certi versi ostici da completare, come ad esempio “Visita 3 negozi di taco in una sola partita”, che è una delle sfide di questa settimana. La sfida richiederà che voi visitiate almeno 3 negozi di Tacos in una singola partita, infatti ne sono presenti vari in tutta la mappa, lasciandovi la libertà di scelta.

Fortnite negozi tacos

In questa guida vi mostreremo le posizioni dei vari negozi di Tacos così da permettervi di raggiungerli il più facilmente possibile. Di seguito potrete trovare la mappa con i luoghi indicati.

Fortnite negozi tacos

Ricordiamo inoltre che con il nuovo aggiornamento è stata aggiunta una nuova arma, oltre che il ritorno della modalità 50 vs 50.

L’articolo Trovare i tre negozi di Tacos su Fortnite proviene da GameSource.

Con l’arrivo dell’aggiornamento 3.5 di Fortnite sono state aggiunte anche le nuove sfide settimanali per il pass stagionale. Le sfide, come di consueto, spesso richiedono di fare cose noiose come ad esempio ricercare determinati luoghi e per questo abbiamo deciso di scrivere delle guide con il quale vi daremo tutte le informazioni necessarie sui luoghi da raggiungere.

Fortnite tesoro putrido pantano

La sfida di caccia al tesoro di questa settimana è “Segui la mappa del tesoro a Putrido Pantano”. Noi vi mostreremo direttamente il luogo da raggiungere per completare la sfida, così da non perdere ulteriore tempo nella ricerca della mappa di Putrido Pantano.

Fortnite tesoro putrido pantano

Vi basterà quindi raggiungere il luogo indicato per trovare lo stemma e ottenere così 10 stelle per il pass battaglia. Ricordiamo inoltre che con il nuovo aggiornamento Epic Games ha deciso di regalare a tutti i giocatori ben 20 stelle, come compenso per la pazienza avuta durante i vari problemi tecnici.

L’articolo Trovare il tesoro di Putrido Pantano su Fortnite proviene da GameSource.

Flag Counter
Video Games