Newsletter
Video News
Oops, something went wrong.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Pozzallo, 1 mag. – “Bisogna che l’Europa veda quello che sta succedendo nel Mediterraneo. Gli egoismi portano alle guerre e le guerre portano al terrorismo. Bisogna creare condizioni per solidarieta’ e cooperazione, bisogna investire la, nei paesi dove nascono i problemi. Abbiamo pero’ bisogno di un Paese che per dare solidarieta’ crei ricchezza ed oggi questo paese non lo fa. Bisogna dare potere di acquisto a lavoratori e pensionati”. Lo ha detto il leader della Uil, Carmelo Barbagallo, a Pozzallo (Ragusa) per la festa nazionale del Primo Maggio. “Il governo ha fatto 13, che e’ la percentuale di disoccupazione, di cui il 43% sono giovani e in Sicilia va moltiplicata per due. Non e’ coi decreti che si fa l’occupazione. Ho detto a Renzi non andare a scuola solo da Merkel, vai da Obama. E lui c’e’ andato, ma forse non ha capito”. Cosi’ il leader della Uil, Carmelo Barbagallo, dal palco del Primo Maggio a Pozzallo. “Basta shopping delle multinazionali nel nostro Paese. Basta vedere Whirlpool, Auchan. E quelli che pagano il costo maggiore sono i lavoratori”, ha detto ancora il leader della Uil. .

(AGI) – Pozzallo, 1 mag. – “I posti di lavoro non si creano con le regole, si creano facendo crescere l’economia reale quindi puntando su innovazione, sulla ricerca, sulla formazione, combattendo la malavita organizzata, la corruzione, che tanto danno fanno all’economia del nostro Paese”. Lo ha detto la segreteria generale della Cisl, Annamaria Furlan, a Pozzallo (Ragusa) per la festa nazionale del Primo Maggio. “Dobbiamo fare in Europa una politica economica diversa. Non ci possiamo piu’ stare con i limiti del fiscal compact. Quelle regole sono state superate dalla recessione, vanno assolutamente cambiate. Ogni euro che i Paesi in Europa usano per lo sviluppo non e’ un euro di allargamento del debito”. Lo ha detto la segreteria generale della Cisl, Annamaria Furlan, a Pozzallo (Ragusa) per la festa nazionale del Primo Maggio. “Abbiamo scelto Pozzallo per ringraziare i cittadini e le cittadine di questa citta’ e di tutta la Sicilia che stanno danno esempio straordinario di accoglienza, solidarieta’ e fratellanza che deve essere seguito da tutta l’Europa. Nell’altra sponda del Mediterraneo muoiono ogni giorno migliaia uomini, donne anziani e bambini per fame, per la guerra, per la minaccia del terrorismo dell’Isis. Noi dobbiamo essere pronti come Europo ad accoglierli e a dare loro un futuro”. Lo ha detto la segreteria generale della Cisl, Annamaria Furlan, a Pozzallo (Ragusa) per la festa nazionale del Primo Maggio. .

(AGI) – Roma, 30 apr. – Maggio difficile sul fronte degli scioperi: martedi’ 5 si ferma il mondo della scuola, il 19 i medici di base e venerdi’ 15 disagi per chi si deve spostare con bus e tram nelle citta’ per lo stop del trasporto pubblico locale. Ma ci sono anche proteste nel settore del trasporto aereo e dei carburanti, con la terza tornata di scioperi per i gestori delle stazioni di servizio sulla rete austostradale. L’1 maggio incrociano le braccia i lavoratori degli istituti di vigilanza privata aderenti a Cisal-Sinalv dalle 6 alla stessa ora del giorno dopo. Dal 4 maggio nuova tornata di sciopero dei benzinai sulla rete autostradale, proclamato dai sindacati di settore, Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio. Le aree di servizio sulle autostrade restano chiuse per 48 ore, dalle ore 22.00 del 4 maggio alla stessa ora del 6. I gestori sottolineano “l’assoluta mancanza di iniziativa da parte del ministero delle Infrastrutture e Trasporti e del ministero dello Sviluppo economico, competenti in materia. Una inerzia che ormai non riesce piu’ a nascondere l’evidente soggezione dei ministeri competenti agli interessi ingentissimi che fanno capo alle societa’ concessionarie”. Martedi’ 5 maggio e’ la volta dello sciopero generale della scuola contro la riforma proposta dal governo Renzi. A proclamarlo Flc-Cgil, Cisl-Scuola, Uil-Scuola, Snals-Confsal e Gilda-Unams. A queste sigle si unisce Conitp (docente e ata) e And (personale docente). Lo stesso martedi’ incrociano le braccia anche i docenti universitari del Cipur, Coordinamento intersedi professori universitari di ruolo. Cub Scuola, Asa (personale docente della scuola dell’infanzia e Primaria) si fermano dal 5 al 6 per le intere giornate cosi’ come Cobas-Comitati di base della scuola (tutto il personale). Giovedi 7 maggio piccoli disagi nel trasporto aereo: stop degli assistenti di volo di Alitalia aderenti a Usb Lavoro Privato, dalle 10 alle 14. Nella stessa giornata si fermano, dalle 00.01 alle 24 i piloti e assistenti di volo aderenti all’Anpac. Sempre nel settore trasporti il 7 protestano i lavoratori di Cub, Cub-Trasporti e Flaica Unit-Cub dalle 10 alle 18 (escluso il personale Enav). Dalle 00.00 alle 23.59 di giovedi’ 7 incrociano le braccia anche i dipendenti della Sea (scali di Linate e Malpensa) del sindacato Cub-Tasporti e Avia Partner. Si fermano infine i dipendenti delle societa’ operanti nell’aeroporto di Bologna e aderenti a Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Martedi’ 12 maggio stop in tutti i comparti, aree pubbliche e categorie del lavoro privato e cooperativo i lavoratori aderenti all’Usi-Unione Sindacale Italia. Il 12 maggio c’e’ poi un nuovo sciopero nella scuola: questa volta la protesta e’ del personale docente delle scuole secondarie di primo e secondo grado, oltre ai dirigenti e ata in Italia e all’estero. La protesta e’ indetto da Cobas-Comitati di Base, Cub e Asa. Ancora venerdi’ 15 disagi per chi si vuole spostare con i mezzi nelle citta’: l’Usb ha proclamato lo sciopero nazionale del trasporto pubblico locale con differenti modalita’ a a seconda del territorio. Infine, a fronte dello stallo nella trattativa per il rinnovo delle convenzioni, i medici di famiglia della Fimmg proclamano uno sciopero per martedi’ 19 maggio. (AGI) .

(AGI) – Roma, 30 apr. – Clessidra Sgr, leader italiano di private equity, ha siglato l’accordo definitivo per l’acquisizione della maggioranza del capitale azionario della maison fiorentina Roberto Cavalli, una delle case di moda italiane piu’ importanti e conosciute al mondo. L’azienda ha chiuso il 2014 con ricavi consolidati in crescita, pari a circa 210 milioni di euro. L’operazione siglata prevede l’acquisizione di una quota di maggioranza pari al 90% del capitale della maison fiorentina da parte di una societa’ di nuova costituzione denominata Varenne. Il restante 10% continuera’ ad essere detenuto dal fondatore Roberto Cavalli. Nell’azionariato di Varenne, societa’ di cui Clessidra detiene la maggioranza assoluta, sono presenti alcuni co-investitori con quote di minoranza, tra i quali L-Gam, fondo di investimenti internazionale e Chow Tai Fook Entreprises Limited, la holding basata ad Hong Kong controllata dalla famiglia Cheng. L’ingresso nel Gruppo Roberto Cavalli costituisce per Clessidra la prima operazione realizzata attraverso il terzo fondo in gestione, Clessidra Capital Partners 3 (Ccp 3). Seguendo la filosofia che ha caratterizzato la gestione dei precedenti fondi, Ccp 3 sara’ principalmente dedicato a investimenti nel mercato italiano. Assumera’ la carica di presidente di Roberto Cavalli Francesco Trapani, vicepresidente esecutivo di Clessidra, per oltre 25 anni amministratore delegato di Bulgari, quindi Ceo della divisione orologi e gioielli di Lvmh. Il ruolo di amministratore delegato sara’ ricoperto da Renato Semerari, fino ad oggi “president” del Gruppo multinazionale Coty, quotato alla Borsa di New York. Precedentemente, Renato Semerari aveva ricoperto il ruolo di Ceo di Guerlain e Ceo e President Europa di Sephora, entrambe societa’ del gruppo Lvmh.Dallo scorso mese di marzo, la direzione creativa di Roberto Cavalli fa capo allo stilista norvegese Peter Dundas. “Sono molto soddisfatto di aver portato a termine questa operazione con un partner Italiano che sono convinto sapra’ valorizzare al meglio quanto ho costruito in una vita – ha dichiarato Roberto Cavalli, fondatore della Maison Fiorentina. – L’apporto finanziario, gestionale ed umano che Clessidra garantira’ alla mia azienda consentira’ lo sviluppo per affrontare e vincere le sfide che il mercato del lusso in continua evoluzione impone”. “Abbiamo voluto fortemente il raggiungimento di questo accordo perche’ crediamo nelle potenzialita’ di Roberto Cavalli – ha commentato Francesco Trapani – un’azienda dallo stile unico, con un posizionamento con pochi eguali e una riconoscibilita’ realmente globale. L’identita’ del brand Cavalli rappresenta una ricchezza che vogliamo preservare, un fattore chiave su cui fonderemo tutti i progetti di crescita internazionale dell’azienda”. Fondata a Firenze negli anni Settanta, l’azienda e’ riuscita a diventare un marchio di riferimento nel segmento del lusso internazionale, con una presenza in tutto mondo grazie ad una rete che oggi conta circa 200 boutique monomarca. Oltre alla prima linea “Roberto Cavalli”, il Gruppo propone la linea casual giovane “Just Cavalli”, la bridge line “Cavalli Class” e la collezione dedicata ai piu’ piccoli “Roberto Cavalli Junior”. Tutte queste collezioni, dedicate sia alla donna che all’uomo, si completano poi con una vasta gamma di prodotti, realizzati attraverso licenze, che includono tra gli altri borse, occhiali, orologi, scarpe, gioielleria e una linea di profumi. Roberto Cavalli firma inoltre una “Home Collection” che si e’ imposta a livello internazionale, ed e’ attivo nel settore “Hospitality” attraverso i Cavalli Club e i Cavalli Caffe’. (AGI) .

Flag Counter
Video Games
Oops, something went wrong.