Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Mediante un post sul sito ufficiale, Telltale Games annuncia che The Wolf Among Us 2 uscirà nel 2019 e non nel tardo 2018 come era stato previsto. Questo perchè, spiega Telltale, stanno cercando di rendere l’esperienza ancora più coinvolgente e godibile del precedente sperimentando nuovi mezzi per raccontare la storia.

Telltale CEO

Telltale Games si dice entusiasta del lavoro svolto fino ad oggi e sono sicuri che The Wolf Among Us 2 sarà migliore del precedente, ringraziando i fan per la pazienza e la fiducia riposta in loro.

L’articolo The Wolf Among Us 2 uscirà nel 2019 proviene da GameSource.

Con l’annuncio di Beyond Good and Evil 2 nel 2017, Ubisoft lanciò il programma Space Monkey per incoraggiare i fan, registrandosi al sito ufficiale, ad esprimere le loro opinioni aiutando nello sviluppo del gioco. Per chiunque si fosse iscritto c’è una bella novità: Ubisoft selezionerà degli utenti per mostrare privatamente una demo del gioco.

Il tempo per partecipare all’estrazione è quasi esaurito (scade il primo di Giugno), quindi per chi si trovi a Los Angeles nei pressi del Los Angeles Convention Center deve affrettarsi e registrarsi sul sito ufficiale. Per chi non potesse andare, faremo il possibile per mostrare qualche frame di uno dei sequel più attesi.

L’articolo Ubisoft mostrerà privatamente una demo di Beyond Good & Evil 2 proviene da GameSource.

Pare siano trapelate notizie interessanti riguardo uno dei remake più attesi, ovvero Resident Evil 2 Remake. Il tutto è a livello di rumor, quindi come sempre queste novità vanno prese con le pinze.

Hideki Kamiya ottimista su Resident Evil 2 Remake

Partiamo dalla prima, il gioco dovrebbe essere presentato all’E3 2018 e questo è anche ciò che in molti si aspettano e soprattutto sperano. Il motore grafico dovrebbe essere sviluppato con il RE Engine nettamente migliorato che dovrebbe puntare ai 30fps a 1080p su PlayStation 4 standard, mentre su PlayStation 4 Pro va sui 60fps su 4K nativo. Sarebbe il primo titolo Resident Evil sviluppato dal principio con il 4K nativo per rendere Raccoon City ancor più realistica.

Per quanto riguarda la prospettiva di gioco, sembra che sarà somigliante a quella di Resident Evil 4 con le dovute migliorie. Anche se si vocifera che la visuale possa essere fedele proprio a Resident Evil 2 con passaggio alla visuale di Resident Evil 4 quando sarà necessario mirare. Il remake dovrebbe avere entrambi gli scenari (Leon e Claire) ma molto più grandi e con nuove aree da esplorare. Non resta che aspettare e sperare che tutto questo sia rivelato all’E3 2018.

L’articolo Nuove indiscrezioni su Resident Evil 2 Remake proviene da GameSource.

Durante un’intervista il Game Director di Shadow of the Tomb Raider, Daniel Chayser-Bisson, ha rivelato che questo capitolo sarà il più ostico dell’intera serie reboot di Tomb Raider.

Questo sarà il Tomb Raider più difficile dei Tomb Raider precedenti ed è importante dato che avremo una Lara Croft con più esperienza. Questo capitolo sarà più grande, più complesso e sarà possibile notare l’elevata difficoltà sin dal primo enigma.

Shadow of the Tomb Raider: tutte le edizioni

Di sicuro questo farà contenti i fan di vecchia data delle avventure di Lara Croft, non resta che aspettare nuove informazioni durante l’E3 2018.

L’articolo Shadow of the Tomb Raider sarà il più difficile della serie proviene da GameSource.

Quest’anno cade il trentesimo anniversario del debutto di Sega Mega Drive (Genesis negli Stati Uniti), che la casa del porcospino blu celebrerà con il lancio di Sega Mega Drive Mini, nonché con la SEGA Mega Drive Classics, una collezione di oltre cinquanta classici del celebre 16 bit in uscita fra tre giorni. Dopo avervi parlato di Streets of Rage e seguito, Back in Time vi propone ora Super Hang-On, nella versione 3D uscita per 3DS. Il gioco non è incluso nella pur ricca collection di cui sopra.

Per la prima volta nella storia della rubrica, si cambia penna: il testo che segue questa introduzione, infatti, reca la firma del nostro Matteo Scannavini, con un taglio molto personale e nostalgico che calza a pennello.

Super Hang-On
Super Hang-On

I ricordi del sottoscritto legati a cabinati e sale giochi sono molto legati alla Riviera romagnola, non so se molti altri di voi condivideranno l’esperienza. Durante l’infanzia di un giovane pargolo bolognese in vacanza a Rimini e Riccione ogni santa estate, le tentazioni discotecare e alcoliche dei suddetti luoghi erano ancora ben lontane; per ingannare le serate con gli amichetti non c’erano tanti altri divertimenti se non entrare in una luminosissima sala giochi.

Tra partite a Metal Slug, Virtua Striker (sempre sia lodato) e qualche safari a caccia di dinosauri, oltre al geniale gioco dove si dovevano sparare arpioni a squali e mostri sottomarini, certo non poteva mancare la mezza moto finta di Super Hang-On. Semplici ma efficaci, i racer arcade – come il titolo motociclistico di Sega e Daytona USA – sono sempre stati un must tra i coin-op, e i loro maledetti timer, che ci spingevano ad accumulare tempi sul giro semi-perfetti, “entravano nei begli incubi di noi piccoli”, citando il sempreverde Max Pezzali. La passione degli italiani per le due ruote, poi, è una di quelle durature, e Super Hang-On spopolava anche quando macchine più tecnologiche e console portatili e fisse si erano già diffuse sul territorio.

Oggigiorno, le sale giochi rimangono più dei luoghi per spacciatori o cuochi di crystal meth in cerca di un nascondiglio, ma per noi nostalgici, SEGA ha rilasciato 3D Super Hang-On su Nintendo 3DS, per poterci rimettere – questa volta meno letteralmente – in sella a una moto virtuale e girare il mondo. Senza l’assillo dei pochi gettoni in tasca, questa volta (a fronte di un prezzo di € 4,99), ma ancora schiavi di un timer.

Super Hang-On
Super Hang-On

Questa volta, però, potremo modificare il timer e renderlo più o meno imperdonabile, così come il livello dell’I.A. avversaria – che si traduce in più o meno collisioni, in pratica – il sistema di comandi, le modalità di visualizzazione e quant’altro. In 3D Super Hang-On potremo anche attivare una telecamera che include nell’immagine i bordi del cabinato – sia quello con la moto in plastica, sia quello con il solo manubrio – o addirittura una dove curvando verrà simulata la piega della moto della sala giochi. Opzioni davvero molto diversificate e divertenti da modificare: ci saranno replay e leaderboard, conditi da un sapiente uso del 3D stereoscopico, la vera raison d’être di questo porting su 3DS.

L’effetto nei giochi di guida (anche questo, realizzato con i vecchi sprite) della profondità donata dalle tre dimensioni è davvero piacevole e rende più d’attualità un comparto tecnico che al giorno d’oggi risulta più che obsoleto. Con questi 3D Classics, SEGA sta veramente dimostrando a Nintendo come dovrebbe essere la Virtual Console su 3DS e non, non limitandosi al dumping di ROM quasi intoccate, ma riprogrammando ed emulando i vecchi titoli, con tanto di numerose opzioni per la personalizzazione, con l’aggiunta di supporto al 3D e, in certi casi, persino miglioramenti grafici e/o di prestazioni. Grande N, ti vogliamo tanto bene, ma questa volta la casa del porcospino blu ha svolto un lavoro migliore.

Per chiudere il cerchio, SEGA avrebbe forse dovuto rimpinguare anche le modalità di gioco, correndo però il rischio di inimicarsi qualche fan di vecchia data.

3D Super Hang-On
3D Super Hang-On

Per i più giovani (il gioco è uscito nel 1987, N.d.R.), Super Hang-On è un racer arcade su due ruote basato non tanto sul gareggiare con i propri rivali centauri – più ostacoli che avversari – quanto sul sopravvivere il più a lungo possibile, portando a termine le varie sezioni che costituiscono le quattro macro-aree (e livelli di difficoltà) del titolo. Potremo iniziare la nostra carriera correndo in Africa, per poi spostarci, a mano a mano che acquisiremo esperienza e abilità, verso Asia, America e infine Europa. Ognuno di questi mondi è composto da un numero crescente di piccole sezioni: non dovremo superarle tutte in una volta, perché in nostro aiuto verranno alcuni check-point, utili se il timer dovesse estinguersi anzitempo.

Essendo un titolo arcade, il modello di guida è molto semplice: sterzo, acceleratore, freno e un semplice turbo per i rettilinei, stop. Per appassionarvi a Super Hang-On per più di una mezz’ora, ovviamente dovrete entrare nell’ordine di idee di sfidare i punteggi più alti e salire in alto nelle leaderboard. Peccato che senza la possibilità di confrontare i nostri score con altri utenti online, sfidare sé stessi potrebbe perdere il suo appeal dopo poco tempo.

Super Hang-On


3D Super Hang-On è una buonissima riedizione di un gioco che ha fatto la storia dei titoli di corse. La mancanza di modalità alternative viene compensata dalle tante opzioni con cui smanettare e il 3D stereoscopico chiude quello che tutto sommato è un ottimo pacchetto, pensato principalmente per i nostalgici delle sale giochi di Riccione come il sottoscritto.

L’articolo Back in Time – 3D Super Hang-On proviene da GameSource.

World of Tanks è uno dei free-to-play più longevi e di successo di tutti i tempi. La sua semplice ma profonda formula basata su adrenalinici scontri tra carri armati online ha fatto le fortune della compagnia che lo ha ideato, quella Wargaming che qualche giorno fa ci ha ospitato a Milano per presentarci le ultime novità del suo titolo di punta (ricordiamo infatti che sempre lo stesso team pubblica numerosi altri titoli, tra i quali World of Warplanes e World of Warships). World of Tanks non accenna a fermarsi: conta circa 1.5 milioni di giocatori registrati solo in Italia, e proprio dall’Italia sta partendo il suo ultimo aggiornamento.

World of Tanks

Finalmente, infatti, nel gioco sono stati inseriti i carri armati prodotti in Italia, che, sebbene il Bel Paese non fosse leader nella costruzione di questi veicoli da guerra, rappresentavano una mancanza sempre più evidente con il passare del tempo. Per celebrare questa novità non solo verranno inseriti undici carri armati italiani (tre di classe media, otto di classe leggera), i quali porteranno innovazioni nel gameplay, ma soprattutto ci sarà un nuovo  comandante utilizzabile in game: nientepopodimeno che Gianluigi Buffon, giunto recentemente alla fine della sua pluriennale avventura con la maglia della Juventus.

Al minuto 0:14 potete vedere la magnificenza dei nostri inviati.

Per scoprire più nel dettaglio il ruolo di Gigi e le novità del gioco, abbiamo intervistato Andrey Biletskiy, Creative Director di World of Tanks a Wargaming.

GS: L’Italia sta facendo il suo esordio in World of Tanks. Perché era questo il momento giusto secondo voi?

AB: Prima di tutto, stiamo cercando di aggiungere ogni nuova nazione con una propria distinta meccanica di gameplay. Quest’anno non avevamo ancora introdotto nessuno di nuovo e quindi ci siamo seduti in ufficio pensando a chi potesse essere la nuova addizione. Abbiamo scelto l’Italia perché era l’unico paese che stava sperimentando con la costruzione dei suoi carri armati, usando alcune delle tecnologie legate alla marina. Questo è dovuto al fatto che storicamente la costruzione di navi in Italia era sempre stata più avanzata di quella dei carri.

La compagnia italiana Ansaldo stava infatti sviluppando mezzi corazzati dotati di un sistema di caricamento dei proiettili e di sparo mutuato dalle navi cacciatorpediniere, un sistema perfetto per introdurre un gameplay ibrido, dotando il giocatore di maggiore agilità e flessibilità. Questa nuova tecnologia è anche utilizzabile su altri mezzi per cambiare il tuo stile di combattimento in qualsiasi momento.

World of Tanks

GS: Spiegaci un po’ meglio quindi come l’introduzione dei carri armati italiani cambia il gameplay del gioco.

AB: Molto semplice: prima dell’arrivo dei carri italiani c’erano due modi di caricare proiettili in World of Tanks. Il primo si chiama “A colpo Singolo” e in pratica consiste nel caricare un proiettile, sparare, caricarne un secondo e così via; il secondo invece è chiamato “A Tamburo”, dove puoi caricare uno alla volta una serie di colpi e usarli in rapida successione fino ad esaurirli, per poi caricare di nuovo anche se impossibilitati a sparare in quegli attimi di ricarica. Nella prima soluzione si impiega circa 8 secondi tra un colpo e l’altro, mentre nella seconda si possono sparare più colpi velocemente ma dopo una ricarica di 30”.

Quello che invece introducono i carri italiani funziona similmente al tamburo ma dopo il primo colpo della salva, quelli seguenti iniziano già a ricaricarsi, andando sempre più veloce. È un sistema che permette di sfruttare le parti forti di entrambe le scelte. Se lasci tempo al sistema di ricaricarsi, puoi sparare come nel colpo singolo, ma se per caso hai una perfetta occasione di danneggiare il tuo avversario puoi anche decidere di colpirlo velocemente con una salva a tamburo. E in questo sta la bravura del giocatore nel trovare il bilanciamento tra le due possibilità.

World of Tanks

GS: Buffon. La grande novità di questo annuncio, il suo arrivo tra i ranghi di World of Tanks. Perché lo avete scelto come capitano e testimonial?

AB: Innanzitutto questo non è un anno qualsiasi per il calcio, con la Coppa del mondo. E in passato avevamo già lavorato con eventi legati al calcio un paio di volte se ti ricordi, anche prima dell’uscita di Rocket League: eravamo arrivati prima noi! Quest’anno stiamo preparando qualcosa di nuovo che non abbiamo ancora svelato, ma in generale volevamo riconnetterci al calcio già da adesso. In secondo luogo, Buffon è riconosciuto come giocatore molto tattico, sa tutto quello che avviene sul campo e questo tatticismo si riflette anche nelle nuove meccaniche di gameplay legate al vostro paese in World of Tanks. L’Italia è un paese che adora il pallone, considera i calciatori come eroi e chi è più un eroe calcistico, con una mente tattica, flessibile e agile di Gianluigi Buffon?

World of Tanks

La nuova mappa ambientata in Italia: Provincia.

GS: OK! Ultima domanda, cosa possiamo aspettarci dal futuro di World of Tanks, ci puoi dare un assaggio di quello che possiamo aspettarci nei prossimi mesi?

AB: Quello che posso dire è che prevediamo di annunciare qualcosa molto presto! Non voglio rovinarvi la sorpresa ma sarà qualcosa di sorprendente e legato al mondo del calcio che sveleremo nelle prossime settimane!

GS: Grazie mille Andrey! Ci vediamo tutti sul campo di battaglia!

L’articolo I carri italiani sbarcano in World of Tanks – Intervista ad Andrey Biletskiy proviene da GameSource.

Ni No Kuni II: Il Destino di un Regno è stato sicuramente uno dei Jrpg più attesi da parte dei videogiocatori per questa prima metà del 2018, e come potete leggere nella nostra recensione, è un must-have per i fan del genere.

Non a caso, Level 5 ha annunciato recentemente con trepidazione che il suddetto titolo ha raggiunto le 900,000 unità distribuite e scaricate tramite lo store. La compagnia ha anche affermato che insieme alle quantità del primo titolo, Ni No Kuni: La minaccia della Strega Cinerea, la serie ha raggiunto un complessivo di 2,800,000 unità distribuite.

Ni No Kuni II copie vendute

Per celebrare il traguardo, una nuova raccolta di brani tratti da Ni No Kuni II: Il Destino di un Regno sarà a breve rilasciata in Giappone. La raccolta costerà 3,300 yen e conterrà 31 brani.

L’articolo Level 5 svela le vendite di Ni No Kuni II: Il Destino di un Regno proviene da GameSource.

Metal Slug è sicuramente un videogioco che ha tenuto incollati nei cabinati delle sale giochi tanti di noi durante la nostra infanzia. A seguito di un precedente annuncio fatto ad Aprile da SNK, Metal Slug XX è adesso disponibile su PlayStation 4 alla cifra di 19,99€ e sarà giocabile in 4K! Ma non è tutto, ci sono ovviamente anche altre novità in arrivo:

  • Scanlines, per dare un effetto ottico simile a quello di uno monitor a tubo catodico ad alta qualità.

Metal Slug XX PlayStation 4

  • Supporto per i controller DualShock 4
  • Effetti sonori che verranno riprodotti direttamente dal controller
  • Implementazione del sistema dei trofei. Per la precisione, ci saranno più di 30 trofei, tra cui quello di Platino.
  • Aggiunzione del personaggio Leona Heidern
  • Possibilità di giocare in multiplayer sia in locale che online con un amico PSN.

Prima di lasciarvi al trailer di lancio, vi mostriamo un’illustrazione nuova di zecca, realizzata dall’artista Tonko che raffigura Marco Rossi in procinto di affrontare il suo nemico Gen.

Metal Slug XX PlayStation 4

Trailer di lancio di Metal Slug XX

Quanti di voi non si faranno scappare questa occasione d’oro e fare un tuffo indietro nel tempo?

L’articolo Metal Slug XX disponibile su PlayStation 4 proviene da GameSource.

Bandai Namco festeggia l’uscita di Dark Souls: Remastered con un oggetto esclusivo per i veri appassionati del gioco, si tratta della Dark Souls: Emblem Collection, in particolare della moneta lode al sole. Nella confezione troverete la moneta di 76 mm di diametro fatta al 100% di puro bronzo e anche un utilissimo supporto verticale in metallo nero, con la quale la potrete esporre.

Dark Souls: Emblem Collection

Dark Souls: Emblem Collection

Dark Souls: Emblem Collection

Dark Souls: Emblem Collection

Potrete acquistare la prima moneta della Dark Souls: Emblem Collection sul sito ufficale al prezzo di € 74,99.

L’articolo Disponibile la Dark Souls: Emblem Collection proviene da GameSource.

Il prossimo 29 ottobre Mega Drive (console nota negli Stati Uniti con il nome di Genesis) spegnerà le sue prime trenta candeline. Per l’occasione, Sega non solo ha annunciato Mega Drive Mini, ma ha anche realizzato Sega Mega Drive Classics, una raccolta contenente ben 53 giochi di quell’epoca d’oro.

Sega Mega Drive Classics

Prima di procedere a qualsivoglia valutazione, è opportuno iniziare con la lista dei titoli disponibili, tutti sin da subito (fra parentesi le versioni del gioco fra cui si può scegliere):

  1. Alex Kidd in the Enchanted Castle
  2. Alien Soldier (/JAP)
  3. Alien Storm
  4. Altered Beast
  5. Beyond Oasis
  6. Bio-Hazard Battle
  7. Bonanza Bros.
  8. Columns
  9. Columns II
  10. Comix Zone
  11. Crack Down
  12. Decap Attack
  13. Dr. Robotnik’s Mean Bean Machine
  14. Dynamite Headdy (/JAP)
  15. ESWAT: City Under Siege
  16. Fatal Labyrinth
  17. Flicky
  18. Gain Ground
  19. Galaxy Force II
  20. Golden Axe
  21. Golden Axe II
  22. Golden Axe III
  23. Gunstar Heroes
  24. Kid Chameleon
  25. Landstalker (/EN/FRA/GER)
  26. Light Crusader
  27. Phantasy Star II
  28. Phantasy Star III: Generations of Doom
  29. Phantasy Star IV: The End of the Millennium
  30. Ristar (/JAP)
  31. Shadow Dancer
  32. Shining Force
  33. Shining Force II
  34. Shining in the Darkness
  35. Shinobi III: Return of the Ninja Master
  36. Sonic the Hedgehog
  37. Sonic the Hedgehog 2
  38. Sonic 3D Blast
  39. Sonic Spinball
  40. Space Harrier II
  41. Streets of Rage
  42. Streets of Rage II (/JAP)
  43. Streets of Rage 3 (/JAP/EN)
  44. Super Thunder Blade
  45. Sword of Vermillion
  46. The Revenge of Shinobi
  47. ToeJam & Earl
  48. ToeJam & Earl in Panic on Funkotron
  49. Vectorman
  50. Vectorman 2
  51. Virtua Fighter 2
  52. Wonder Boy III: Monster Lair
  53. Wonder Boy in Monster World

Sega Mega Drive Classics

La lista ricalca grosso modo quella dei numerosi volumi della Sega Mega Drive Classics Collection usciti a partire dal 2010 su PC, ma mancano nomi importanti come Ecco the Dolphin e seguiti, ma soprattutto Sonic the Hedgehog 3 e Sonic & Knuckles, nonché, ovviamente, Sonic 3 & Knuckles, cioé la loro versione combinata. Al netto di queste defezioni, i titoli sono quelli di Sega Mega Drive and Genesis Classics su Steam, così come l’hub – disegnato come una “cameretta” di un fan di Sega, con poster a tema e scaffali dei giochi – è quello sviluppato da D3T e lanciato sulla piattaforma di Valve un paio di anni fa. Qualcuno, a questo punto, potrebbe ritenere preferibile proprio l’opzione Steam per il supporto Workshop.

Chiaramente in questa sede è assolutamente impossibile soffermarsi anche solo brevemente sui giochi contenuti. Ci limitiamo ad osservare che di alcuni abbiamo già parlato in modo sufficientemente accurato (come Gunstar Heroes, Sonic the Hedgehog 2, Streets of Rage e seguito), mentre altri saranno oggetto di futuri approfondimenti da parte della nostra (mia, NdR) rubrica Back in Time, per cui restate sintonizzati. Nel complesso, ce n’è per tutti i gusti: dai platform – rappresentati non solo dai Sonic, ma anche dal più antico Alex Kidd, da Ristar e altri ancora – ai JRPG – non solo serie come Phantasy Star e Shining Force, ma anche gemme come Light Crusader e Sword of Vermilion; dai puzzle – come i Columns e Dr. Robotnik’s Mean Bean Machine – ai beat ‘em up – come Altered Beast e i vari Golden Axe – passando per gli shoot ‘em up – come Gunstar Heroes e Alien Soldier di Treasure. Potreste rimanerci “intrappolati” per centinaia di ore.

Sega Mega Drive Classics

Le opzioni di corredo sono abbastanza soddisfacenti, soprattutto sul versante video: abbiamo cinque diverse modalità di ridimensionamento pixel (nessuno, bilineare, EPX, HQ4X, XBR; potete avere un riscontro immediato degli effetti dei filtri osservando il quadretto di Sonic all’interno della cameretta), filtro scanline, la possibilità di scegliere fra diversi bordi (ricordate che all’epoca l’aspect ratio era 4:3!) e altre opzioni secondarie, come la modalità specchiata o quella che simula il look bombato dei vecchi CRT.

Nulla di particolare, invece, per quanto attiene all’audio, ma ricordiamo che, oltre alle impostazioni dell’hub, ogni gioco conserva le proprie originali. Deludenti le opzioni di configurazione del controller, che sono solo due: ci sfugge il motivo per cui i tasti non siano mappabili liberamente dal giocatore.

Sega Mega Drive Classics

La dotazione di extra è solida, ma non massiccia. Innanzitutto, esistono le funzionalità online per i giochi che le supportano, cioè quelli che prevedano classifiche e comparti multiplayer. Poi ci sono 25 Trofei/Obiettivi: cinque sono legati alla collection, mentre gli altri venti ai singoli giochi; ne consegue che più della metà dei titoli presenti in Sega Mega Drive Classics non sblocca alcunché.

Completano il corredo venti sfide, legate ad altrettanti giochi, che sbloccano ben tre Trofei. Si tratta di superare uno stage o un punteggio (a seconda del titolo) a particolari condizioni: giusto per fare un paio di esempi, quella di Streets of Rage richiede di vincere il primo stage con la barra della salute piena, mentre quella di Columns impone il raggiungimento dei 5000 punti a partire da una partita (non rosea) predefinita.

Sega Mega Drive Classics

Sega Mega Drive Classics è una collection bella solida, anche se non è stata frutto di un lavoro particolarmente pesante: la casa del porcospino blu si è limitata a schiaffare in un disco 53 giochi (con alcune assenze significative), l’applicazione che funge da hub lanciata su Steam due anni fa e qualche extra di ordinanza. Ciò detto, si tratta comunque di una raccolta piena di capolavori, che si rivela congeniale soprattutto per le nuove leve (diciamo i nati dal 1995 in poi) dotate quantomeno di curiosità nei confronti del retrogaming.

L’articolo Sega Mega Drive Classics – Recensione proviene da GameSource.

Flag Counter
Video Games