Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Avete deciso chi tradirete?

Fallout 4 conta un totale di quattro finali diversi tra loro, diversi in base alla fazione che vorrette supportare dalla missione “Livello Molecolare” in poi. Una volta infatti venuti in possesso dei dati rubati all’Istituto, potrete scegliere di darli a una delle tre fazioni (i Minuteman, i Railroad o alla Confraternita d’Acciaio) oppure di non darli a nessuno (andando a favore l’Istituto).
A parte il finale dell’istituto, gli altri tre sono tecnicamente identici, differiscono solo per il tipo di fazione che sopravvive al tutto sana e salva. Vi illustriamo ora come raggiungere tutti e quattro i finali.

Fallout 4 Finali

Buona fortuna!

È consigliabile, anzitutto, salvare la partita prima di scegliere da quale fazione farsi aiutare nel teletrasporto.

Fallout 4 Finali – Minuteman

Decidete di farvi aiutare dai Minuteman nella costruzione del teletrasporto. Per farlo dovrete costruire almeno otto stabilimenti in giro per il Commonwealth. Seguite le varie missioni che si sbloccheranno fino all’eliminazione dell’Istituto e della Confraternità. I Railroad sopravvivono, ma i Minuteman hanno il comando sul Commonwealth.

  • Fornire i dati rubati all’istituto ai Minuteman
  • Distruggere Istituto e Confraternita d’Acciaio
  • Lasciare che i Railroad sopravvivano
Railroad

Decidete di farvi aiutare dai Railroad nella costruzione del teletrasporto. Portategli i dati rubati e aspettate di ricevere l’ordine di eliminare l’Istituto e la Confraternita. Non eliminateli prima di ricevere tale ordine, o non potrete accedere al finale in oggetto. Potrete continuare a svolgere le quest dei Minuteman, mentre i Railroad gestiscono un Commonwealth con i loro principi di libertà.

  • Fornire i dati rubati all’istituto ai Railroad
  • Distruggere Istituto e Confraternita d’Acciaio una volta ricevuto l’ordine
  • Lasciare che i Minuteman sopravvivano
Confraternita d’Acciaio

Decidete di farvi aiutare dalla Confraternita nella costruzione del teletrasporto e consegnate i dati raccolti durante la missione. Per raggiungere questo finale potrete distruggere i Railroad e attivare il Liberty Prime, oppure distruggere l’istituto e tradire solo in seguito i Railroad supportando la Confraternita. Questo è l’unico finale in cui la confraternita sopravvive, insieme ai suoi principi totalitari.

  • Fornire i dati rubati all’istituto alla Confraternita
  • Distruggere Istituto e Railroad
  • Lasciare che i Minuteman sopravvivano
Istituto

Potrete farvi aiutare da qualsiasi fazione per la costruzione del teletrasporto, l’importante è seguire le missioni principali dell’istituto. Lo stesso dovrete fare con le missioni della Confraternita, ma vi verrà richiesto di tradirli a un certo punto, insieme ai Railroad. In seguito alla loro eliminazione, diventerete il nuovo leader dell’Istituto e governerete il Commonwealth secondo le (dubbie) nozioni dell’Istituto. Anche in questo caso i Minuteman non sono visti come una minaccia.

  • Non fornire i dati a nessuna delle fazioni, o comunque recuperare il disco dalla fazione a cui è stato lasciato
  • Distruggere Confraternita e Railroad
  • Lasciare che i Minuteman sopravvivano

Shuhei Yoshida ha dichiarato che il 2016 sarà un grande anno per Sony e le sue piattaforme di intrattenimento, Playstation 4 su tutte. Il colosso giapponese non si ferma qui e, tanto per sottolineare le parole di Yoshida, ha diffuso un trailer che mostra le 20 esclusive Sony, alcune temporali, che sono state confermate per l’anno appena iniziato, mettendo molta carne al fuoco.

Il 2016 promette veramente bene per Sony, partendo dalle nuove avventure di Nathan Drake, passando per Horizon Zero Down per arrivare a Gravity Rush 2. E voi? Avete già adocchiato qualcosa che vi stuzzica particolarmente? Attendiamo vostri pareri!

Non è semplice collezionismo.

All’interno di Fallout 4 vi sono un totale di venti Statuette Bobblehead da collezionare. I loro effetti svolgono un ruolo importantissimo nell’avanzamento dell’avventura nel Commonwealth. Abbiamo sette Statuette S.P.E.C.I.A.L e tredici Statuette per i Talenti e le Abilità. Di seguito vi riportiamo l’elenco completo, con la descrizione degli effetti delle singole statuette insieme ai luoghi in cui recuperarle.
Una volta conseguite tutte e venti, riceverete i trofei Non sono bambole… e …sono action figure!. Per maggiori info vi rimandiamo alla nostra Lista Trofei.

Fallout 4 Statuette S.P.E.C.I.A.L

È consigliabile usare una delle Bobblehead in basso prima di raggiungere il livello 10 nello specifico ramo S.P.E.C.I.A.L.

Statuette Effetto Posizione
Agilità Agilità + 1 Relitto della FMS Northern Star – Dalla prua del relitto, raggiungete la baracca posta sopra le scale e troverete la statuetta sul bordo davanti a voi.
Carisma Carisma + 1 Ospedale Psichiatrico Parsons – Una volta raggiunto il livello 10, cercate Edward Deegan tra i bar di Bunker Hill, Diamond City o Goodneighbor. Completate le missioni per cui il suo Capo, Cabot, per le quali vi avrà ingaggiato, fino ad arrivare all’ospedale psichiatrico. Dopo aver eliminato i predoni e tutte le minacce, troverete la statuetta nello studio a fine missione.
Costituzione Costituzione + 1 Poseidon Energy – Recatevi a sudest della mappa, e seguite il percorso di rampe per raggiungere la grande area centrale in cui è situtata la statuetta.
Fortuna Fortuna + 1 Spectacle Island – A sud dell’isola abbiamo una piccola barca verde. Controllate l’armadietto all’interno di essa per trovare la statuetta.
Forza Forza + 1 Edificio della Mass Fusion – Dopo aver ripulito il posto dai predoni, insieme al capo e la sua armatura atomica, troverete la statuetta in cima alla grossa statua sospesa nell’atrio. Il divano accanto vi servirà per raggiungerla.
Intelligenza Intelligenza + 1 Biblioteca Pubblica di Boston – Al secondo piano, nel lato nord della biblioteca, troverete una porta di legno vicino alla cassa di stimpak. Superatela e troverete la statuetta sulla console dei computer.
Percezione Percezione + 1 Museo della Libertà – Nella stanza dove avete incontrato il Minuteman Preston Garvey.
Fallout 4 Statuette SPECIAL

Eccovi nel dettaglio i luoghi in cui sarà possibile trovare le statuette riguardanti le abilità S.P.E.C.I.A.L.

Fallout 4 Statuette Talenti e Abilità
Statuette Effetti Posizione
Armi a energia +25% Danni critici aggiuntivi con le Armi a energia Fort Hagen – Dopo aver iniziato la missione “Ottenere un indizio”, prendete l’ascensore fino al centro di comando. Nella sala cucina, tra i due frigoriferi, troverete la statuetta.
Armi da mischia +25% Danni critici aggiuntivi con le Armi da mischia Trinity Tower – Seguite gli ascensori fino a raggiungere la parte più alta del palazzo. La statuetta è nella cella in cui sono rinchiusi Rex e Strong.
Armi leggere (Balistica)
+25% Danni critici aggiuntivi con le Armi leggere Piazza dell’artigliere (Gunners Plaza) – Dietro la porta con su scritto “On the Air”, che richiede livello Arduo in scasso.
Armi pesanti + 25% Danni critici aggiuntivi con Armi pesanti Vault 95 – Scendete al piano delle abitazioni, superate il buco nel muro alla fine della rampa e troverete alla vostra destra la statuetta sulla radio in mezzo ai due divani.
Baratto Prezzi più favorevoli del 5% Conservificio di Longneck Lukowski – Seguite le passerelle che sorvolano la catena di montaggio. Nell’ultima stanza, sulla console.
Disarmato + 25% al danno critico mentre si combatte a mani nude Officina dei Gatti Atomici – All’interno del garage, sul cofano della macchina arrugginita.
Eloquenza (Discorso)
I negozianti hanno 100 tappi aggiuntivi nel loro inventario Stazione di Park Street (Vault 114) – Seguite la missione principale di Nick Valentine per avere accesso alla sala del sovrintendente del Vault. La troverete sulla scrivania.
Esplosivi + 15% Danni causati dagli esplosivi Acciaieria Saugus (Saugus Ironworks) – Raggiunta l’area con il Forno, recuperate la statuetta sul computer accanto alla cassa rossa.
Furtivo (Spione)
Il personaggio è del 10% più difficile da rilevare in modalità Furtivo Cava di Dunwich (Borers) – Si trova poco prima della stanza finale, vicino al terminale col numero 4 scritto sopra.
Medicina Gli Stimpak curano il 10% in più Vault 81 – Nella stanza con il robot fluttuante Curie.
Riparazione I nuclei di fusione durano il 10% in più Impianto di assemblaggio Corvega – Muovetevi fino al tetto dell’edificio. Seguite le passerelle fino alla cima e troverete la statuetta sopra una cassa alla fine del percorso.
Scasso Scassinare diventa più facile – Le forcine sono più restie e rompersi Galleria Pickman – Al livello più basso della galleria, accanto al cestino dell’immondizia in fiamme situato al centro della stanza.
Scienza Ricevi una possibilità in più per ogni tentativo di hacking Scuola Media di Malden (Vault 75) – Nel terzo livello sotterraneo, nella stanza con le saracinesche abbassate. Sulla scrivania accanto al terminale non funzionante.
Fallout 4 Statuette Abilità e Talenti

Qui i luoghi delle Statuette riguardanti le Abilità e i Talenti.

Inizia la caccia al tesoro.

Tra le centinaia di armi presenti in Fallout 4, come ogni GDR che si rispetti, ve ne sono anche di uniche. Quest’ultime sono dotate di poteri e caratteristiche superiori alle armi normali e sono inoltre ben nascoste nel Commonwealth.

Siete interessati a sapere come trovare queste armi uniche? Allora seguite la nostra guida per ottenerle tutte.


Fallout 4 armi uniche

Fallout 4 Armi Uniche  – Armi da fuoco
Pistole

La Pace di Eddie: Ottenibile durante la missione “Long Time Coming” (Missione situata presso la Stazione di Andrew, vi verrà affidata da Nick Valentine) da Eddie

The Gainer: Troverete quest’arma nella stazione di pompaggio (una zona non segnata sulla mappa, situata a sud dello Sfasciacarrozze Hub City). Una volta entrati dentro la stazione di pompaggio, vi ritroverete davanti ad una porta sigillata con vicino un macchinario con 4 tasti che vi permetteranno di inserire un codice, utile ad aprire la porta. Inserite: 10-4-5-1 e la porta si aprirà. Troverete la pistola vicino a uno scheletro poco più avanti.

Kellogg’s Pistol: Uccidendo Kellog a Fort Hagen, durante la missione “Reunion” (Missione principale) .

Il Liberatore: Ottenibile nella Old North Church, completando la missione “Tradecraft” (Missione acquisibile da Desdemona, nel Quartier Generale Railroad)

Wastelander’s Friend: Acquistabile da Deb a Bunker Hill.

Fucili

Reba II: Recatevi nella città di Salem. Una volta arrivati non sarà difficile scorgere la Casa della famiglia Rook. Lì troverete il padrone di casa non particolarmente ostile nei vostri confronti. Una volta faccia a faccia con lui, dovrete trovare il modo di impadronirvi della chiave dei sotterranei di casa sua, rubategliela o uccidetelo. Una volta ottenuta la chiave, andate sotto le scale e aprite la botola per i sotterranei e li troverete il fucile.

Reba: Uccidendo il succitato Barney Rook nella Casa della famiglia Rook.

Tinker Tom Special: Acquistabile da Tinker Tom nel Quartier Generale Railroad .

Silver submachine gun: Vi verrà donata da Kent Connolly completando la missione “The Silver Shroud” una volta che gli consegnerete la Mitragliatrice d’argento ottenibile nel Hubric Comics.

Spray n’ Pray: Venduta da un mercante ambulante di nome “Cricket“. Questa venditrice può essere trovata: a Bunker Hill, fuori dal Vault 81, fuori dalla Proprietà Warwick, Fuori da Diamond City, Fuori dall’ Emporio di Fallon, Fuori dalla Stazione di polizia di Quincy.

Overseer’s Guardian: Acquistabile da Alexis Combes, nel Vault 81.

Fucili a pompa

Justice: Acquistabile da Penny nel Covenant

Le Fusil Terribles: Potete trovare quest’arma su Libertalia, l’accampamento galleggiante situato a est della mappa. Una volta raggiunto questo ritrovo dei banditi, dovrete farli fuori tutti (sono veramente tanti e in campo totalmente aperto, quindi preparatevi bene) e arrivare sulla cima della “torre” costruita con scarti di navi. Una volta raggiunto l’apice della torre del capo, troverete il fucile dietro una porta.

Armi pesanti

Big Boy: Acquistabile da Arturo a Diamond City.

Ashmaker: Ottenibile in vari modi: Vi verrà donato da Fahrenheit, a Goodneighbor, convincendo Bobbi No-Nose ad andarsene pacificamente o uccidendolo. Uccidendo Fahrenheit, fiancheggiando Bobbi No-Nose.

Partystarter: Acquistabile da  KL-E-0Goodneighbor.

Morte dal Cielo: Acquistabile sul Prydwen da Taegan, una volta raggiunto il rank di Paladino.

Broadsider: Durante la missione “Last Voyage of the U.S.S. Constitution” riceverete l’arma direttamente dal capitano Ironsides.

Junk Jet: Ottenibile nell’ ArcJet Systems nella sala impianti.  E’ anche un drop di Manta Man (NPC ambulante per la mappa, sarà possibile incontrarlo casualmente dopo aver completato la missione “The Silver Shroud“.

Armi a energia
Armi laser

Survivor’s Special: Ottenibile dopo il completamento della missione “The Lost Patrol” (missione principale, che vi verrà affidata dal Paladino Danse). Altrimenti è possibile rubarla al Paladino Brandis dopo il completamento della missione “The Lost Patrol“.

Virgil’s rifle: Potete rubare quest’arma da Virgil, oppure raccogliendola dopo averlo convinto a farsi uccidere, portando a termine due prove di carisma.

Old Faithful: Venduta da Arturo al mercato di Diamond City.

Good Intentions: Potete rubarlo o raccoglierlo dal cadavere di Clint, sulla strada sopraelevata vicino le Rovine di Quincy.

Prototipo UP77: Iniziamo col dire che per prendere quest’arma dovrete essere in grado di scassinare serrature al livello massimo e hackerare pc al livello medio.
Viaggiate fino a “University Point” (vicino al castello), raggiunta la meta andate verso un grande palazzo marrone dove, superate le grandi porte ormai distrutte, troverete subito a destra un computer (con difficoltà media) e una porta, hackerate il pc e scendete le scale. Arriverete in caveau pieno di piccole casseforti, in una di queste (scassinabile con difficoltà massima) troverete un tasto, premetelo, superate la porta che si aprirà e raccogliete l’arma sul tavolo bianco.

Righteous Authority: Riceverete quest’arma dal Paladino Danse come ricompensa per la missione “Call to Arms” (missione principale, affidata dal Paladino Danse)

Wazer Wifle: Potrete ottenere quest’arma dopo il completamento di tutta la storyline principale, eseguendo tre missioni (non segnate sulla mappa) per Shaun.

Giudizio Finale: Ottenibile uccidendo Arthur Maxson al Prydwen.

Armi al plasma

Experiment 18-A: Acquistabile nell’istituto per circa 3000 tappi.

Sentinel’s Plasmacaster: Dopo aver completato la storyline principale, sarà venduto da Teagan sul Prydwen

Altre armi a energia

Alien Blaster: Questa arma, ricorrente da ormai molti capitoli all’interno della saga, si trova questa volta dentro una grotta a est della stazione di Oberland (situata sul lato ovest della mappa).

Cryolator: I più attenti avranno sicuramente visto quest’arma sin dalle prime fasi di gameplay. il Cryolator è infatti situato all’interno del Vault 111, nell’ufficio del sovrintendente. Sarà necessario però il livello massimo nell’abilità “Scassinatore” per poter aprire la teca che lo contiene.

The Last Minute: Venduta da Ronnie Shaw al Castello, dopo aver completato la missione “Old Gun” (missione che vi verrà affidata da Preston a Sanctuary)

Lorenzo’s Artifact gun: Ottenibile completando la missione “The Secret of Cabot House” (Missione che vi verrà affidata da Jack nella Casa Cabot)

Zeta Gun: Nella Casa Cabot, schierandovi con Lorenzo troverete l’arma sul cadavere di Jack. Altrimenti schierandovi con Jack troverete comunque l’arma su un tavolo nel suo laboratorio.

Armi corpo a corpo
Armi bianche

General Chao’s Revenge: Venduta da Trudy al Ristorante Drumlin

Zao’s sword: Ricompensa della missione  “Here There Be Monsters” (missione affidatavi da Donny Kowalski alla Shamrock Taphouse) riuscendo in tre test di persuasione con il Capitano Zao.

Pickman’s Blade: Per ottenere quest’arma dovrete prima di tutto andare a Goodneighbor e parlare con Hancock, che vi chiederà di investigare nella Galleria Pickman. Una volta arrivati nella galleria, esploratela fino a trovare un buco in una parete nei piani superiori, percorrete le gallerie fino a trovare un uomo minacciato da tre banditi armati, salvatelo. Una volta aiutato si rivelerà essere Pickman, che vi donerà una chiave come ringraziamento. Tornate vicino all’entrata, dove potrete notare uno strano dipinto rosso, rimuovetelo per rivelare una cassaforte, utilizzate la chiave per aprirla e raccogliete l’arma.

Grognak’s axe: Dovrete raggiungere il Hubric Comics, dietro il bancone troverete una teca, scassinatela (difficoltà media) e raccogliete l’ascia del barbaro.

Kremvh’s Tooth: Raggiungete Dunwich Borers, e percorretene i sotterranei. Dopo un bel po’ di cammino vi ritroverete davanti ad un pozzo pieno d’acqua, entrateci dentro e alla fine troverete un altare con sopra l’arma.

Shem Drowne sword: Durante la missione “The Gilded Grasshopper” (Questa missione si sbloccherà leggendo dei documenti riguardanti Marty Bullfinch nell’ufficio di Nick Valentine) potrete trovare quest’arma all’interno di una bara, dietro la Galleria Pickman (senza la missione “The Gilded Grasshopper” non sarà possibile raccogliere l’arma)

Mazze

Mazza da Baseball 2076 World Series: Accaparrarsi questa mazza da baseball unica non sarà affatto facile, ma seguite le nostre direttive e filerà tutto liscio.  Abbiamo diviso il procedimento in due “fasi”, se il vostro pg è in grado di scassinare porte e hackerare pc al livello massimo, potete saltare la prima fase.

  1. Dovete prima di tutto arrivare a Jamaica Plain (troverete moltissimi ghoul, quindi preparatevi). Una volta giunti all’entrata della città (il punto raggiungibile con il viaggio veloce) facendo pochi passi troverete il cadavere di un uomo, perquisitelo per ottenere una delle due chiavi necessarie per proseguire. Fatto ciò superate il corpo e giratevi verso destra, percorrete la strada fra le case fino a scorgere una macchina arancione. Entrate nella casa vicino alla macchina arancione e salite le scale, troverete due cadaveri, da quello a sinistra otterrete la seconda chiave. Tornate sulla strada principale e andate al municipio (è in centro città con davanti una statua, lo riconoscerete subito). Entrate nel municipio e andate nella porta davanti che vi porterà al bagno, li salite le scale per trovarvi davanti ad un cadavere da cui potrete prendere una password.
  2. Ok ora avete tutto il necessario. Tornate all’entrata del municipio ma questa volta andate a sinistra, scendete le scale e aprite la porta del seminterrato con la chiave presa in precedenza (oppure scassinatela). Proseguendo nel seminterrato, e superata la porta a due ante, vi ritroverete davanti a un bivio che porta alla stessa meta. Noi vi abbiamo servito la via più semplice, ovvero la porta di sinistra, vi basterà infatti usare la chiave dell’archivio (oppure scassinare anche questa) per accedervi e superare questo step. Siete ora di fronte all’ultimo passo, interagite col pc e immettete la password trovata in precedenza (oppure hackeratelo), le porte si apriranno e potrete raccogliere la mazza adagiata in una teca.

Rockville Slugger: Venduta da Moe Cronin al Mercato di Diamond City

Big Jim: Anche qui avete due opzioni: se siete dei mastri scassinatori e potete aprire le porte con la difficoltà massima, allora semplicemente andate al Lago Walden, entrate nel negozio di regali e scassinate la porta sul retro, una volta entrati vi basterà uccidere i banditi sul posto e troverete l’arma su un tavolino arrugginito poco dopo la porta dove siete entrati.
Non siete dei maestri dello scasso? Nessun Problema. Avvicinatevi al lago, entrate nelle fogne e proseguite nelle tubature fino ad arrivare dietro la porta del negozio di regali, da li seguite le istruzioni scritte sopra.

In Fallout 4 è presente un semplice escamotage grazie al quale è possibile raggiungere il livello 50 in solo mezz’ora. Non stiamo parlando di codici da inserire nella console di comando e riservati ai soli giocatori PC ma di un semplice trucco che vi sarà possibile utilizzare su tutte le piattaforme una volta che avrete recuperato una serie di oggetti e che avrete raggiunto Diamond City.

Per utilizzare il trucco vi serviranno una gran quantità di rame e una particolare rivista “Picket Fences”, grazie ai quali costruire statue per guadagnare punti esperienza. Vi consigliamo inoltre di non installare aggiornamenti o future patch del gioco fintanto che non avrete eseguito questo trucco, che potrebbe essere bloccato con uno dei prossimi download. Ma andiamo con ordine: vi spiegheremo prima come ottenere il rame e la rivista che vi servono e, successivamente, come raggiungere il livello 50 in men che non si dica.

Come ottenere rame infinito in Fallout 4:

1. all’armeria di Diamond City potete acquistare la spedizione di rame dal commerciante, azione possibile ogni 48 ore;

2. andate all’officina e rimuovete tutti i rottami dal menu “Junk”: l’officina dovrà essere completamente vuota finché non riceverete soltanto la spedizione di rame richiesta al punto 1;

3. premete in rapidissima successione i tasti “Store All” e “Take All” e vedrete magicamente duplicarsi il vostro rame. Continuate così tutte le volte che volete per vedere le vostre scorte aumentare a vista d’occhio. Attenzione, i due tasti non devono essere premuti contemporaneamente ma prima uno e poi l’altro, dopo una frazione di secondo;

4. Continuate finché non avrete qualche decina di migliaia di unità di rame nell’inventario, vi serviranno per costruire le statue.

Dove trovare la rivista “Picket Fences

Le statue sono una particolare oggetto che imparerete a realizzare solo dopo aver raccolto la rivista “Picket Fences” a Saugus Ironworks, un’area che si trova nella zona nord-est del Commonwealth. Prima di tutto dovrete accettare la quest “Out of the Fire” commissionatavi da Preston Garvey, nella quale vi sarà richiesto di ripulire l’area. Vi recherete a Saugus Ironworks alla ricerca di una vecchia spada, un ricordo di famiglia: per recuperarla dovrete sconfiggere il boss Slag. Nell’arena in cui vi batterete contro Slag troverete una bambolina esplosiva e la rivista “ Picket Fences” più volte menzionata in questa guida. La rivista si trova sulla passerella di metallo al di sotto di dove troverete la bambolina.

Come ottenere esperienza infinita in poco tempo

Ora che avete tutti gli ingredienti necessari alla ricetta dell’esperienza infinita, è il momento di utilizzarli: tornate all’officina e selezionate “Statue” dal menu delle decorazioni. Costruire una statua vi costerà 10 unità di rame e, se avrete massimizzato l’intelligenza al livello 10 – cosa che vi consigliamo vivamente di fare – vi farà ottenere 32 XP. Ora armatevi di un un po’ di pazienza e iniziate a costruire statue su statue; quando avrete raggiunto il numero massimo di statue possibili, continuate a costruirne semplicemente rottamando quelle costruite in precedenza, e fermatevi solamente quando avrete raggiunto il livello di esperienza da voi desiderato.

Se siete appassionati delle vecchie glorie e la voglia di rigiocarli, portandoli sempre con voi, è forte vi informiamo che su Google Play troverete Tomb Raider II a soli 10 cent.

Potrete quindi vestire i panni di Lara Croft nella sua seconda celebre avventura, passando per Venezia, la Cina, il Tibet e l’Inghilterra alla ricerca del pugnale di Xian, reliquia che si dice sia dotata di poteri magici. La versione Android è stata inoltre migliorata rispetto all’originale, con controlli modificati e porting in HD. Se non l’avete giocato fino ad ora questa potrebbe essere l’occasione per accaparrarselo ad un prezzo veramente risibile.

Una della caratteristiche più interessanti dei titoli videoludici per piattaforme PC è la possibilità di arricchire l’esperienza tramite modifiche software conosciute come mods.

Da Skyrim a Dragon Age fino a The Witcher 3: Wild Hunt, quasi non esiste titolo che non sia stato modificato da appassionati con risultati talvolta persino superiori al motore originale.

Proprio l’eccellente gdr di CD Projekt RED dispone ora di una mod che ci permetterà di vivere la nostra avventura impersonando, al posto del carismatico Geralt Di Rivia, le quattro coprotagoniste femminili: Triss, Ciri, Shani e Yennefer.

Il funzionamento della mod, che modifica solo le fattezze del personaggio ma ne mantiene le animazioni e la voce di Geralt, funziona sicuramente con le versione 1.11 del titolo su Steam, ma potrebbe avere limitazioni con le altre versioni e con le mod che utilizzano l’editing xml.

227226_1a

I gestionali sono un genere che su console, per ovvi motivi, non hanno praticamente mai spopolato nel corso degli anni. Questo perché il sistema di controllo su Pc naturalmente facilita l’approccio nella gestione delle varie unità o nella navigazione dei vari menù che appaiono a schermo in questo tipo di titoli. Va da sé che una console portatile si presti ancora meno alla frenesia di questo genere di giochi.

big

Gli sviluppatori di On The Metal però sembrano pensarla diversamente però e infatti hanno deciso di esplorare un settore ancora mai rappresentato finora in un videogioco ossia l’organizzazione di grandi concerti ed eventi. Cosa ancora più sorprendente è il fatto che hanno deciso di farlo su Playstation Vita. Scopriamo assieme il risultato di tale esperimento.

Party Planning

L’idea di base di questo titolo è realmente piuttosto semplice e ricalca in qualche modo le dinamiche che oramai siamo abituati a testare ogni giorno in quei titoli mordi e fuggi free to play per smartphone.
In soldoni, il gioco è un simulatore di party o meglio dire di concerti e festival musicali con tanto di palchi giganteschi e pubblico che si accalca alla Woodstock. Avremo noi videogiocatori il compito di rendere tutto questo possibile stipulando i contratti per i maggiori artisti del momento per creare la maggiore affluenza di pubblico possibile ma sempre tenendo in considerazione gli aspetti organizzativi più semplici dalle toilette agli stand.

big2

La scaletta, come già detto, è parecchio importante e quindi dovremo dosare sapientemente grandi nomi con band indie per creare la giusta attesa nel pubblico senza mai annoiarli. Le grandi star però comportano un budget parecchio elevato e magari infatti con tre o quattro gruppi indie molto più economici potremo ottenere lo stesso risultato a livello di intrattenimento. I problemi però inizieranno ad arrivare quando le star, tra le persone più viziate al mondo, cominceranno a fare i capricci e quindi non accetteranno mai di fare da spalla a un’altra band, oppure non vorranno mai dividere il backstage con i rivali di sempre. Per questo motivo inizieranno ad avanzare richieste assurde e starà a voi decidere se soddisfarle o meno. Sappiate comunque che una star contenta salirà sul palco molto più galvanizzata e quindi regalerà uno show realmente indimenticabile. Al contrario, un gruppo scontento potrà arrivare in ritardo oppure lasciare un buco nella vostra scaletta non presentandosi proprio.

Vero e proprio manageriale

A descriverlo così sembra quasi che il gioco sia sempliciotto e banale, ma non è affatto così. Dovremo infatti soddisfare anche le esigenze del pubblico, controllando le statistiche e quindi potenziare alcuni servizi in favore di altri. Nei primi show, ad esempio, con poche decine di persone per il nostro festival di provincia basteranno pochi bagni chimici, ma cosa succederà quando saremo a capo di festival con centinaia di migliaia di persone per affluenza?

A complicare tutto questo dovremo considerare anche elementi imprevedibili come le condizioni atmosferiche che varieranno dai temporali a giornate con un caldo infernale così come l’orario dei vari show. In base infatti a tali variabili dovremo decidere una differente disposizione delle bancarelle oppure merci differenti da proporre ai visitatori del festival invece di altre. Le lamentele in questo senso dovranno essere tenute in considerazione, pena l’abbandono dei visitatori dai vari concerti.

big 3

Come accade poi nei vari F2P anche in BigFest avremo il famigerato sviluppo progressivo degli oggetti in game, anche se non dovremo attendere a lungo come in questo tipo di giochi bensì mandare un roadie a sistemare in fretta le cose. In questo caso parliamo soprattutto della struttura centrale del palco che in base alla crescita del vostro festival dovrà sempre crescere e quindi essere adeguato.

Dal punto di vista tecnico il titolo certo non impressiona anche perchè da questo tipo di titoli non è quello il focus, ma bensì una giocabilità fruibile e immediata. I visitatori al festival avranno l’aspetto di dummies di legno proprio per sottolineare l’accessorietà dell’aspetto grafico. Per quanto concerne i controlli invece si poteva trovare una migliore sinergia tra touchscreen e levette analogiche anche se è un problema che una volta passata qualche ora non si noterà più molto. Il comparto sonoro infine è di assoluto livello dato che sono presenti numerosissimi pezzi indie veramente coinvolgenti.

BigFest è un titolo tanto godibile quanto sconosciuto che potrebbe divertire a dovere se preso con il giusto spirito. Il prezzo budget sotto i dieci euro poi lo rendono veramente accessibile a tutti e un passatempo tanto ben congegnato quanto originale.

Dopo alcuni mesi di early access Valhalla Hills è finalmente disponibile nella sua interezza su Steam al prezzo di 29,90 € (scontato durante i saldi natalizi). Vi avevamo già parlato del lavoro di Funatics Software, edito da Daedalic Entertainment, in anteprima ma siamo finalmente pronti a tirare le somme su un gestionale che affonda le sue radici nel passato della serie The Settlers ma si avvale del modernissimo Unreal Engine 4.

Aspirare al Valhalla

Ogni vichingo che si rispetti ha un unico scopo nella vita: aspirare al Valhalla: il paradiso della mitologia nordica destinato agli impavidi guerrieri scandinavi meritevoli. I protagonisti di Valhalla Hills hanno il medesimo scopo ma sembra che Odino e soci abbiano deciso di complicare la vita del loro popolo rendendo più ardua l’ascesa verso i cancelli di Asgard.
E di salita si tratterà effettivamente in quanto Valhalla Hills ambienta ogni sua mappa in isolotti sperduti in mezzo al mare, di varie dimensione e generati casualmente ogni volta, in cui dovremo provvedere in primis alla sopravvivenza dei nostri vichinghi per scalare, in seguito, la vetta più alta tra le montagne presenti per attivare il portale verso il Valhalla.

valhalla hills 02

Un portale per il Valhalla è stato aperto…aiuto!

Sopravvivenza scandinava

Sembrerebbe piuttosto semplice ma la mancanza di una buona strategia nell’ottimizzare le risorse e creare un accampamento efficiente, oltre alla realizzazione di un esercito adeguato ci porteranno ben presto a una situazione di stallo in cui sarà difficile venirne a capo. In Valhalla Hills non controlleremo in prima persona i vari personaggi ma dovremo facilitare la sopravvivenza dei vichinghi tramite la scelta degli edifici da costruire. Le risorse cumulabili saranno le classiche legname, pietre, selvaggina e pesce così come gli edifici atti alla raccolta del nostro sostentamento. Sono presenti, inoltre, edifici avanzati sbloccabili, a seconda della modalità di gioco di missione in missione, che permetteranno uno sfruttamento migliore delle risorse e la costruzione di ulteriori migliorie. Inutile dire che i nostri vichinghi necessiteranno di un tetto sulla testa e altre agevolazioni come strade, pozzi, bivacchi in cui riposare ecc.

valhalla hills 01

I nomi dei vichinghi suscitano qualche sorriso, almeno per noi italiani.

Una volta che il nostro avamposto sarà efficiente e garantirà una manovalanza in salute, sarà il momento di pensare all’obiettivo ultimo: l’apertura del portale verso i cancelli di Asgard. Prima di fare ciò sarà necessario però costruire i templi o le caserme militari in modo da conquistare, tramite la fede o la spada, le mostruosità che verranno fuori da tali portali. Proprio così, le divinità nordiche non vogliono facilitare la vita ai loro adepti e perciò dovranno dimostrare il loro valore prima di poter accedere al portale. L’approccio militare rappresenta senz’altro la parte più divertente di Valhalla Hills in quanto la fuoriuscita dei guardiani dai portali comporterà frenetici combattimenti fatti di botte sonore, accentuate dall’esilarante audio, fino a che una delle due fazioni non prevarrà. Certamente il fatto di superare una mappa per ritrovarsi a dover ricominciare in un altro isolotto tutta la trafila non alimenta una longevità infinita, soprattutto perché le mappa casuali saranno più o meno simili. La presenza di obiettivi può allettare i giocatori ma la mancanza di un filo narrativo si fa sentire a più riprese. Se poi giocheremo una partita libera con tutti gli edifici già sbloccati non ci sarà nemmeno l’incentivo ad andare avanti per sbloccare nuovi elementi.

valhalla hills

Quali insidie nasconderà quella fitta nebbia?

I menù e l’interfaccia di gioco, completamente tradotti anche in italiano, sono abbastanza semplici e immediati mentre il sistema di spostamento nella mappa, nonostante alcuni miglioramenti, rimane ostico così come nell’early access. Per quanto riguarda la componente grafica Valhalla Hills risulta molto colorato e piacevole ma non esente da difetti, soprattutto collegati agli spostamenti e zoom della mappa. A differenza dell’early access è stata introdotta la nebbia che, oltre a essere suggestiva, toglierà visibilità su determinate zone di gioco. La componente audio è gradevole anche se i pochi brani presenti alla lunga stancheranno mentre gli effetti sonori risultano efficaci e divertenti soprattutto durante le fasi di combattimento.

Valhalla Hills a conti fatti risulta un titolo discreto ma essenzialmente dedicato agli appassionati del genere mentre gli altri giocatori non saranno troppo incentivati a spendere quasi 30 euro. La strategia e la longevità ci sono mentre la varietà di situazioni stenta parecchio portando ben presto alla noia. Abbiamo apprezzato l’ironia che circonda il lavoro di Funatics Software mentre si poteva fare molto di più riguardo la componente narrativa, creando un continuum tra una missione e l’altra.

As Goes Light, So Goes Darkness è la patch 3.1 di Final Fantasy XIV che arriva a distanza di quasi 6 mesi dalla release di Heavensward, la prima espansione del gioco. Sei mesi sono un arco di tempo da non sottovalutare per un gioco come FFXIV, la cui utenza è stata abituata a continui e costanti aggiornamenti trimestrali. Considerando come è andata con Heavesward, possiamo dire che il gioco ha dovuto affrontare un periodo di stallo causati da una grave mancanza di contenuti end game, tutt’ora relegati alla modalità Savage del raid di Alexander.
Abbiamo preferito non parlare subito di questa 3.1 in vista della 3.15, una patch intermedia che avrebbe aggiunto le famigerate nuove Relic Weapon, che tanto hanno fatto penare i giocatori nel periodo pre espansione e che adesso farà penare quelli post espansione. Il motivo di quest’attesa è semplice: a conti fatti, la 3.1 ha portato a galla una situazione non proprio piacevole per i giocatori di Final Fantasy XIV, che si sono trovati nuovamente punto e a capo e a fare sempre le solite cose nonostante le novità apportate in questo As Goes Light, So Goes Darkness che andremo ad analizzare.

ffxiv_10112015_232747
Prima tra tutte, la prosecuzione della main quest e della trama principale, che porta il nostro eroe a proseguire il suo viaggio nel tentativo di riunire nuovamente gli Scions dove incontrerà nuovi alleati e, soprattutto, nuovi nemici, come i Warriors of Darkness (con una grande strizzatina d’occhio ai giocatori di Final Fantasy XI). Yoshida e Square-Enix hanno fatto un lavoro piuttosto buono, non solo in termini di sceneggiatura, dialoghi e pathos, ma anche per come sono state strutturate le quest, evitando al giocatore lo stress di viaggi infiniti a parlare con NPC e a consegnare oggetti, ma limitandosi ai dialoghi importanti e alle battaglie significative.
The Void Ark è la nuova istanza che prenderà il posto, per i giocatori di livello 60, della Crystal Tower. La trama gira intorno a nuovi personaggi e nuovi nemici, con un ritorno del caro e vecchio Diabolos, che questa volta avrà maggiore spazio e far fronte a quelle critiche che lamentavano la sua presenza relegata ad un mero boss di fine dungeon, per di più obsoleto. Le meccaniche sono pressochè identiche a quelle della Crystal Tower, ovvero si avanza nelle varie aree con 3 party da 8 persone cercando di abbattere tutto ciò che si muove, specie i 4 boss che popolano quel piano. Ogni boss darà due drop (item level 200) per ciascun party, che potrà essere reclamato da chiunque con il classico limite di un drop per ogni settimana. A questo si aggiunge, sempre settimanalmente, un drop aggratis di un token per potenziare i propri equip dal livello 200 a 210.
I nuovi dungeon livello 60 che andranno aggiungersi alla lista saranno solo due, a differenza dei canonici 3 delle precedenti patch pre espansione: Saint Mocianne’s Arboretum e la versione Hard di Pharos Sirius. Anche qui, nulla di nuovo sotto al sole, trash mob + boss fight (con dinamiche piuttosto elementari).

ffxiv_15112015_190058
Abbiamo poi quello che possiamo sicuramente definire il miglior content di questa patch: ovvero Thordan’s Reign Extreme. Avevamo già espresso la bellezza del fight contro Thordan e i suoi 12 cavalieri, quindi non potevamo non aspettarci una sua versione Extreme (occhio Square-Enix, che qui però stiamo ancora chiedendo quella legata a Gilgamesh). Un fight ben costruito con un sacco di fasi e meccaniche che, per quanto ostiche e difficili, appagano e divertono i giocatori. Il reward, poi, è un incentivo a chiuderlo, visto che parliamo di un’arma ilvl 205, la migliore se escludiamo le recenti Relic o quelle ottenibili dall’ultimo piano del Savage di Alexander (tutt’ora chiuso da un numero limitatissimo di giocatori).
E dopo i classici contenuti da patch, che novità abbiamo? Essenzialmente due. La prima, meno importante, è il minigioco chiamato Lord of Minions, che è un chiaro riferimento al popolare gioco Square-Enix (disponibile solo nelle sale giochi giapponesi) in cui potremo dare finalmente utilità ai nostri, per l’appunto, minions e farli lottare tra loro in una battaglia 1 vs 1 contro la CPU o contro altri giocatori. L’obiettivo è quello di distruggere tutti i cristalli sulla mappa mandando all’attacco tutti i nostri minion a disposizione facendo attenzione a quelli dell’avversario. Ogni minion è infatti caratterizzato da diversi parametri, punti di forza e punti di debolezza, quindi è saggio mettere in campo, di volta in volta, quelli più opportuni a seconda della situazione.
La seconda novità, è rappresentata dalle missioni di esplorazione, la prima vera istanza di tutto Final Fantasy XIV dedicata alle Free Company, benchè si possa comunque affrontare con un party da duty finder. Fino a tre party di 8 persone, possono intraprendere infatti questa spedizione in cui l’obiettivo è ammazzare quanti più mostri possibili puntando ai drop più rari possibili. rappresentati da gear di ilvl 210 la cui unica pecca sono le caratteristiche secondarie casuali. Attualmente è possibile affrontare l’istance in due modalità: normal e hard, la cui unica differenza è rappresentata dalla forza dei nemici e dalla percentuale di drop.

ffxiv_12112015_205603
Per quanto sia onestamente apprezzabile questo primo sforzo, è chiaro che c’è ancora tanto lavoro da fare per migliorare questo tipo di content visto che, al momento, il tempo da dedicare in game si preferisce dedicarlo ad attività, solite, più remunerative.
Non mancano poi i classici bilanciamenti alle classi, nuovi equip, nuovi ricette per il crafting e quest minori, ma il grosso di questa patch ve l’abbiamo esplicato e ciascuno di voi tirerà le sue somme.
Per quel che ci riguarda, l’andazzo di Final Fantasy XIV non ci sta convincendo appieno continuando a riciclare su se stesso per proporre “nuovi” contenuti, ma che solo pochi di questi si possono considerare davvero interessanti o anche solo divertenti. Le notizie che si hanno per la prossima 3.2 non sono neanche così confortanti, nonostante si proponga di migliorare alcuni aspetti del gioco (in primis Alexander). Vogliamo comunque riporre a fiducia a Yoshida e a tutto il team che ci sta lavorando sopra, perchè a conti fatti continuano a meritarselo. Speriamo solo di non dover aspettare la prossima espansione per dei primi cambiamenti significativi.

Flag Counter
Video Games