Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Dynasty Warriors 9, come già visto negli ultimi titoli della la saga “parallela” Samurai Warriors, sempre targata Koei Tecmo, amplia il concetto di musou puro e semplice che, per chi non lo sapesse, è sostanzialmente un genere action molto dinamico, che ci mette a confronto con ondate interminabili di mobs più o meno deboli e personaggi chiave di grado e difficoltà decisamente più elevato, aggiungendo una forte componente free roaming, crafting di armi e altri oggetti senza disdegnare di aggiungere anche una punta di gioco di ruolo, che decisamente non guasta.

Oltre a questo, in Dynasty Warriors 9 saremo chiamati a svolgere un bel numero di compiti secondari e attività collaterali, utilissime per far crescere i nostri personaggi e per spezzare, o almeno tentare di farlo, un tipo di gameplay estremamente frenetico, ma che ha un alto rischio di risultare monotono dopo un po’ di tempo.

La trama riprende quella dei vecchi capitoli della saga, trasportandoci nell’antica Cina dei Regni Combattenti, al servizio della Dinastia Han. Il gioco ci permette di interpretare una marea di personaggi diversi, circa 50 anche se non tutti immediatamente disponibili, differenti sia come abilità che come “peso” effettivo nella storia raccontata. Storia che cambierà a seconda del punto di vista dell’eroe che sceglieremo in quel momento.

Dynasty Warriors 9

Selezionato il nostro primo eroe, verremo catapultati subito sul campo di battaglia, che è davvero gigantesco e completamente esplorabile a piacimento, sia a piedi, che a cavallo che nuotando. In più, saremo anche in grado di arrampicarci velocemente su strutture verticali (ma non su tutte) tramite un comodo rampino ninja style. Oltre che alle missioni principali, come abbiamo già detto, in Dynasty Warriors 9 potremo dedicarci a un bel numero di missioni secondarie e attività collaterali varie, compresa la nobile arte della caccia, che ci fornirà dei materiali indispensabili per craftare oggetti di svariata natura e migliorare i nostri equipaggiamenti e quelli dei nostri alleati.

Il sistema di combattimento è molto intuitivo e con un buon ventaglio di mosse speciali utilizzabili. Peccato che, data la natura frenetica di questo tipo di giochi, con molta probabilità finiremo a spammare i soliti due tasti e la solita mossa speciale, con buona pace della varietà di opzioni.

Dynasty Warriors 9

Creando oggetti, uccidendo nemici e, ovviamente, proseguendo con la trama, riceveremo punti esperienza, spendibili per migliorare le statistiche del nostro personaggio. Una cosa davvero notevole di Dynasty Warriors 9 è l’estrema dinamicità di insieme degli eventi. Le nostre azioni sul campo di battaglia influiscono realmente (e imprevedibilmente) sull’andare generale della battaglia. Aiutare un alleato piuttosto che un altro, o perdersi nell’esplorazione di un luogo, può portare a conseguenze diverse e spesso imprevedibili. Tutto ciò contribuisce a creare un bel feeling per il giocatore, che non i sentirà praticamente mai “imbrigliato” nelle sue azioni. Certamente però, bisogna comunque prestare moltissima attenzione, dato che alcune conseguenze possono essere davvero disastrose!

Sul piano tecnico, purtroppo, non sono però tutte rose e fiori. Nonostante l’aspetto e le animazioni dei personaggi siano davvero molto ben fatte, quelle dell’ambiente circostante lasciano spesso, troppo spesso, a desiderare. Abbiamo provato il gioco su una Playstation4 Slim e, sebbene non siano stati riscontrati rallentamenti o cali di frame rate, gli ambienti (e anche alcuni mobs) soffrivano di un fastidioso effetto pop up, alle volte davvero esagerato. Più di una volta è capitato di camminare o cavalcare in una zona apparentemente libera da strutture e, puff! Andare a sbattere contro una torretta di segnalazione spuntata letteralmente dal nulla. Stessa cosa accade spesso con altri oggetti e con i branchi di animali che dovremo cacciare. Tutto tranquillo e, dopo due passi, ti ritrovi in mezzo a un branco di cervi!

Altro punto non ottimale è il calcolo di alcune collisioni. Se durante uno scontro, che come abbiamo detto è molto frenetico e poco tecnico, la cosa non si nota affatto, il problema nasce quando si affrontano delle fasi esplorative. A volte passi attraverso una roccia e a volte rimani bloccato da una sorta di “palo” (muro era esagerato) invisibile. Una cavalcata in un boschetto di bamboo è stato un incubo tale da far rimpiangere la cara vecchia Rutilia di Witcher!

Dynasty Warriors 9


In generale Dynasty Warriors 9 è un gioco molto divertente e completo. Le attività secondarie e le missioni collaterali donano al tutto una certa varietà, arginando così la monotonia che, altrimenti, avrebbe presto fatto a capolino. Il gameplay è frenetico e molto appagante (che soddisfazione far volare schiere intere di soldati con la propria lancia!) e anche la storia principale è interessante e molto ben strutturata. Anche l’enorme varietà di personaggi è un punto decisamente a favore di Dynasty Warriors 9. Peccato per alcune imprecisioni sul fronte tecnico, anche piuttosto fastidiose, che non permettono al titolo di diventare un vero e proprio “must have” per tutti, rendendolo adatto principalmente per gli estimatori del genere e della saga.

Dynasty Warriors 9 è disponibile dal 13 febbraio per Playstation 4, Steam e Xbox One.

Flag Counter
Video Games