Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Il 9 marzo appena passato, Valve, ad un evento in cui è stato svelato Artifact, il gioco di carte di Dota e nuovo sfidante di Heartstone nato dall’azienda statunitense mamma di Half Life, ha chiarito esplicitamente che tornerà a sviluppare giochi, dopo anni passati a concentrarsi sulla piattaforma di Steam e su nuovi hardware.

Valve

Il successo di una piattaforma come Steam ha portato a rendere altrettanto di successo titoli di altre compagnie, un esempio su tutti PlayerUnknown’s Battlegrounds (ora come ora il gioco più popolare su Steam). Tutti gli sforzi si sono quindi concentrati sullo sviluppo di tecnologia e nuovi hardware, ma non sui videogiochi. Gabe Newell, il capoccia dell’azienda, ha spiegato perché.

A quanto pare, a preoccupare l’azienda statunitense, era il fatto che altre compagnie, come Microsoft e Facebook, cercassero di emulare Apple nella creazione di un “ecosistema particolarmente chiuso ed elevato”, che fosse riguardo Windows, cellulari o realtà virtuale. “Una cosa del genere ci ha preoccupati davvero tanto, perché abbiamo sempre pensato che la forza portante del PC fosse la sua apertura… Quindi abbiamo iniziato a investire denaro per controbilanciare questa situazione.”

Investimenti che, a quanto sembra, hanno consolidato almeno una piattaforma VR per Valve con HTC Vive e anche incrementato l’esperienza della compagnia nel campo hardware.

Continua Newell:

Ora come ora non c’è alcun progetto nel campo hardware che avremmo problemi ad intraprendere. Siamo sempre stati un po’ gelosi di compagnie come Nintendo. Quando Miyamoto si siede e pensa al prossimo Mario o Zelda, ha sempre in mente la forma del controller, il comparto grafico e tutte le altre caratteristiche. È capace di introdurre nuove possibilità, come il motion control, perché è in grado di controllare entrambi gli aspetti… Questa è una cosa che gli abbiamo sempre invidiato ed è anche qualcosa che riusciremo a sfruttare da qui in avanti.

Valve quindi tornerà a sviluppare software, pur continuando a lavorare sugli hardware e, a conferma di ciò, Artifact dovrebbe uscire proprio entro la fine dell’anno. Un bel ritorno per il mondo dei videogiochi, ma no. Niente Half Life 3.

L’articolo Valve è gelosa di Nintendo e tornerà a sviluppare giochi proviene da GameSource.

Flag Counter
Video Games